Home Università Visiting in Romania, rischio annullamento delle lauree

Visiting in Romania, rischio annullamento delle lauree

Visiting in Romania, rischio annullamento delle lauree

Qualche giorno fa, alla nostra casella di posta elettronica, sono giunte diverse segnalazioni e richieste di consulenza per la vicenda che di seguito vi raccontiamo.

“A seguito della verifica del suo piano di studi e della richiesta di attestazione della regolarità degli insegnamenti da Lei sostenuti in visting presso l’Università di Galati […] si comunica che […] l’Università non ha riconosciuto gli esami extra learning, attestando che non ci sono prove dei voti relativi agli esami nei registri di classe e, pertanto, non può certificarsi che la S.V. abbia seguito i relativi corsi e superato gli esami.”

unipaQuesto è solo una stralcio della comunicazione di avvio del procedimento che l’Università degli Studi di Palermo ha notificato, nelle ultime settimane, a decine di laureandi che negli ultimi due anni hanno trascorso un periodo di studio all’estero, in particolare nell’Università Rumena Dunarea De Jo di Galati.

Le motivazioni della sospensione dell’ammissione all’esame di laurea è la “presunta” mancata certificazione degli esami cosiddetti extralearning sostenuti durante la permanenza in Romania.

Facciamo un passo indietro.

Come previsto dal decreto rettorale 1368/2015 l’Ateneo promuove l’incremento di attività formative anche presso Istituzioni Accademiche straniere con le quali non sussiste un accordo per l’attivazione del conosciutissimo progetto di mobilità “Erasmus plus”.

È consentito quindi agli studenti, di scegliere di propria iniziativa l’Università di destinazione ed organizzare autonomamente il proprio soggiorno all’estero. Tale tipo di mobilità viene denominata “Visiting student”.

Prima della partenza, lo studente elabora, insieme al Coordinatore del Corso di Studio di appartenenza un Learning agreement ossia, un programma dettagliato in cui inserire le materie che il ragazzo intende sostenere nell’Università ospitante.

La scelta delle attività formative da svolgere, è effettuata con ampia flessibilità e sulla base del criterio della ragionevolezza, e proprio come riportato dal decreto rettorale ciò implica la possibilità di introdurre nel Learning agreement “insegnamenti dell’Università ospitante che non trovano diretta corrispondenza nell’ordinamento didattico del Corso di Studio”, le materie che, ormai per una consuetudine radicata da anni, vengono definite materie extralearning.

Tale programma, approvato dal Mobility Tutor permette allo studente di organizzare la propria permanenza all’estero in relazione al percorso formativo concordato.

Al ritorno, il Coordinatore del Corso di Studio provvede al pronto riconoscimento dei CFU, sulla base del Transcript of records redatto dall’Università ospitante, che descrive i risultati accademici di ogni studente durante il tempo trascorso nel proprio Ateneo.

“Nei casi di non perfetta coincidenza tra attività previste nel Learning agreement, eventualmente modificato, e quelle riportate nel Transcript of records, il Coordinatore del Corso di Studio informa il Consiglio il quale delibera in merito.”

studenti-grandeLa procedura si conclude con l’approvazione delle materie da parte del Consiglio di Corso di Studi e il caricamento delle stesse nel piano di studi informatico dello studente.

Questo è stato l’iter seguito dagli studenti della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università degli Studi di Palermo che, ultimando totalmente il proprio percorso di studi, hanno visto sfumare la possibilità di conseguire la tanto agognata laurea, nella prima sessione utile di Marzo 2017.

Ciò ha comportato un gravissimo danno non solo per l’ulteriore pagamento delle tasse, ma anche per lo slittamento dell’abilitazione e della possibilità di iscriversi ai corsi di specializzazione.

Sulla vicenda in questione, il nostro studio legale è già stato contattato da associazioni e studenti al fine di capire che tipo di tutela approntare.

Per ricevere qualsiasi tipo di informazione invia una mail all’indirizzo info@avvocatoleone.com o compila il nostro form “Raccontaci il tuo caso”. Per un contatto telefonico digita lo 0917478019 oppure lo 0917724378.

Scopri l’avvocato a te più vicino visualizzando i legal point de “LA RETE DEI DIRITTI”.

DOTT. GIUSYLENIA PALAZZOLO

 

 

Articolo a cura della Dott.ssa Giusylenia Palazzolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here


1 + 2 =