Home Abilitazione Forense Abilitazione forense, dal Governo un primo passo per cambiare l’esame

Abilitazione forense, dal Governo un primo passo per cambiare l’esame

abilitazione forenseNovità importanti sullo scenario che riguarda il nostro ricorso collettivo avverso l’esame di abilitazione forense: il Consiglio dei Ministri ha varato lo scorso 6 ottobre il provvedimento che darà attuazione alla direttiva europea 2018/958 che impone normative proporzionate e non eccessivamente ostative per l’accesso alle professioni.

In pratica il Governo conferma le ragioni che stiamo portando avanti con la nostra azione legale!

Questo primo passo normativo non fa altro che corroborare la linea difensiva che intraprenderemo con il ricorso straordinario al Presidente della Repubblica che sarà introitato a breve avverso l’impianto normativo che disciplina l’accesso alla professione di avvocato.

Il provvedimento prevede, difatti, che tutte le norme che riguardano l’accesso alle professioni “blindate” superino, prima della loro approvazione, un test di proporzionalità. In altre parole, la disciplina per l’accesso alle professioni, tra cui quella forense, non potrà più essere improntata su mere ragioni economiche e amministrative e non potrà richiedere, come oggi accade, ai concorrenti il possesso di competenze non necessarie per lo svolgimento della professione di cui trattasi.

Ebbene, questo primo passo normativo ci spinge a ritenere che anche in sede giudiziale la nostra tesi potrà essere sostenuta con maggiore forza!

Tutela i tuoi diritti! Clicca qui e aderisci al ricorso: cambiamo insieme l’esame!

Hai tempo fino al 20 ottobre. Per comunicare con il nostro staff legale invia una mail a info@leonefell.com

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here


9 + 5 =