Home 250 funzionari amministrativi Concorso 250 funzionari amministrativi, parte il ricorso

Concorso 250 funzionari amministrativi, parte il ricorso

Nelle giornate del 18,19 e 20 settembre si sono svolte, presso la Fiera di Roma, le prove preselettive del concorso pubblico a 250 posti profilo professionale di funzionario amministrativo, Area funzionale terza, posizione economica F1, del ruolo del personale dell’Amministrazione civile dell’Interno, da destinare esclusivamente alle Commissioni territoriali per il riconoscimento della protezione internazionale ed alla Commissione nazionale per il diritto d’asilo.

La prova si è resa necessaria in considerazione dell’elevato numero di domande, superiore a dieci volte il numero dei posti messi a concorso. Infatti, sono state presentate 54.051 domande di partecipazione a fronte dei 250 posti stabiliti dal Ministero.

A ciascun candidato sono assegnati 90 quesiti individuati dalla Commissione esaminatrice, da risolvere nel tempo massimo di un’ora. All’art. 9 il bando ha previsto che sono ammessi a sostenere le prove scritte i candidati che hanno risposto correttamente ad almeno 80 delle domande incluse nel questionario a risposta multipla (80/90).

Il bando prosegue disciplinando le prove di concorso valide al dine di selezionare i migliori candidati. Ebbene, all’art. 10 il bando ha previsto che le prove di esame consistono in due prove scritte ed in una prova orale.

Il Ministero ha deciso che accederanno alla prova orale i candidati che avranno riportato in ciascuna delle prove scritte un punteggio minimo di 70/100.

Ricapitolando, il Ministero ha previsto un punteggio maggiore per la prova preselettiva (80/90=8,8/10) rispetto al punteggio richiesto per l’ammissione alla prova orale (70/100=7/10).

Risulta irrazionale, quindi, una soglia di  idoneità per il superamento della prova preselettiva maggiore di quella richiesta per la selezione vera e propria. Riteniamo, pertanto, che possano proporre ricorso al Tar tutti i candidati che abbiano conseguito un punteggio pari o uguale a quello previsto per l’ammissione alla fase orale.

In particolare, chiunque abbia raggiunto il punteggio di 63/90 (cioè 7/10) dovrebbe avere accesso alla prova scritta. Ed è quello che chiederemo che accada ai nostri ricorrenti attraverso la proposizione del ricorso.

Per aderire all’azione legale e per conoscerne i costi e le modalità clicca qui.

Per qualsiasi informazione scrivi all’indirizzo [email protected] o compila il form “Raccontaci il tuo caso

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here