Home Concorsi Concorso VVF, il Tar richiede all’amministrazione le motivazioni della inidoneità

Concorso VVF, il Tar richiede all’amministrazione le motivazioni della inidoneità

Come ormai certamente saprete, il nostro studio si occupa da anni di concorsi pubblici. I bandi indetti dalle Amministrazioni vengono, costantemente, monitorati dal nostro staff legale. Oggi focalizziamo l’attenzione sul concorso per 10 posti nella qualifica di funzionario amministrativo contabili direttori del corpo nazionale dei vigili del fuoco.

vigili-concorsoLa nostra ricorrente, dopo avere superato le prove preselettive, ha partecipato alla prima prova scritta risultando però inidonea, ottenendo un punteggio di 20/30. In particolare, il punteggio minimo richiesto per il passaggio allo step successivo era di 21/30.
La commissione, precedentemente l’espletamento delle prove, aveva indicato i criteri di valutazione da seguire nella correzione degli elaborati. Criteri che, seppur generici, dovevano condurre il giudizio della commissione esaminatrice.

Ed invero, nel verbale di correzione non v’è traccia dell’utilizzo di tali criteri: non solo non è stata motivata l’insufficienza ma nemmeno figura l’utilizzo delle griglie di valutazione. Tutto ciò in violazione dei principi di trasparenza e buon andamento imposti alle amministrazioni statali.

Lo studio legale Leone-Fell ha, dunque, proposto ricorso avverso tale situazione. Sulla questione si è pronunciato il TAR Lazio, (Sezione Prima Bis), che ha imposto alla Commissione Giudicatrice precisi chiarimenti in merito alle modalità di attribuzione del punteggio della prova scritta.

In modo implicito il Tar ha ammesso la necessità di rintracciare un percorso logico nel giudizio di inidoneità compiuto nei confronti della nostra ricorrente. Adesso sarà onere dell’amministrazione fornire gli elementi da cui rintracciare i motivi della bocciatura, sempre che questi possano rinvenirsi dai verbali di concorso.

Dubitiamo, invero, che tali verbali possano esistere, in quanto lo studio legale ha, in precedenza, presentato un’istanza di accesso agli atti, sollecitando i documenti sopra citati. Quest’ultimi, non sembrano esistere tra gli atti del concorso e tale assenza potrebbe significare una vittoria per la nostra ricorrente.

Continueremo ad aggiornarvi sulla vicenda.

Per qualsiasi informazione scrivi a “Raccontaci il tuo caso”.

Per avere un colloquio telefonico, contattateci allo 0917794561.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here


2 + 8 =