Home Abilitazione Forense Esame avvocato, analisi degli atti per contestare le inidoneità

Esame avvocato, analisi degli atti per contestare le inidoneità

Esame avvocatoL’esame di abilitazione forense è anacronistico, eccessivamente complesso (tre prove scritte e un esame orale con sei materie di verifica) e non rispettoso dei principi costituzionali, europei e della Cedu.

Oltre a tali illegittimità, il nostro staff legale ha attivato un’azione legale per censurare l’operato della commissione e contestare i giudizi ottenuti. L’analisi degli atti ci porterà a  incardinare un ricorso individuale al Tar territorialmente competente con il quale rilevaremo l’irragionevolezza e la manifesta contraddittorietà del giudizio attribuito in sede di esame.

Se hai ottenuto due sufficienze su tre è palese che vi sia una contraddittorietà di giudizio che è possibile provare in giudizio mediante la produzione di un parere pro veritate stilato da un docente universitario esperto, che anche il terzo compito era in realtà conforme con i criteri di valutazione adottati a livello centrale. Questo consentirà l’ammissione al prosieguo dell’iter selettivo o, in alternativa, la ricorrezione ad opera di una commissione differente dell’elaborato insufficiente.

Sul punto si registrano, difatti, delle sentenze positive recentissime che i Giudici dei Tribunali amministrativi hanno adottato avuto riguardo al concorso per l’accesso alla magistratura ordinaria.

Per aderire al ricorso dovrai quindi farti stilare il parere positivo di cui abbiamo accennato ed inviarlo presso il nostro studio di Palermo insieme alla modulistica che potrai scaricare cliccando qui.

Per saperne di più sulle nostre azioni e per aderire al ricorso avverso l’esame avvocato 2020 clicca qui

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here


9 + 4 =