Home Precari Le procedure di stabilizzazione: assunzione diretta e concorsi riservati

Le procedure di stabilizzazione: assunzione diretta e concorsi riservati

Quest’oggi parleremo, in linea generale, delle procedure di stabilizzazione che sono state introdotte dal Decreto di Madia. Ed infatti, la riforma ha previsto due canali per la stabilizzazione dei precari pubblici.

stabilizzazione precariEntrambe le procedure sono disciplinate dall’art. 20 del Decreto e sono rivolte ai precari che dal 1° gennaio 2010 al 31 dicembre 2017 abbiano maturato almeno 36 mesi di servizio, anche non continuativo ed anche alle dipendenze di amministrazioni differenti, e che contino almeno un giorno di servizio dopo il 28 agosto del 2015.

Coloro che siano in possesso di entrambi i requisiti sopra indicati, infatti, potranno accedere a delle procedure concorsuali atipiche, nelle quali il 50% dei posti messi a bando sarà riservato proprio al personale precario.

L’espletamento di tale procedura è reso necessario dalla previsione di cui all’art. 97 della Costituzione, che prevede che l’accesso al pubblico impiego sia subordinato al superamento di un concorso pubblico.

Il secondo canale di reclutamento, invece, è riservato a chi, oltre ad essere in possesso dei due requisiti sopra descritti, è stato reclutato da una graduatoria concorsuale nella quale era, o è tuttora inserito, in qualità di vincitore o di idoneo non vincitore.

Chi possiede questo ulteriore requisito, infatti, potrà accedere alla stabilizzazione diretta, per la quale non sarà richiesto l’espletamento di alcuna ulteriore selezione. Ciò in quanto, il reclutamento tramite graduatoria concorsuale, è utile a considerare rispettato il dettato normativo dell’art. 97 Cost.

Per quanto riguarda le procedure di stabilizzazione diretta, inoltre, sono previsti dei criteri di preferenza da applicare nel caso in cui i lavoratori che potranno essere stabilizzati superino il numero di assunzioni operabili dall’Amministrazione, sulla base delle risorse finanziarie disponibili.

In tal caso verrà data preferenza anzitutto a coloro che risultano essere ancora in servizio presso l’amministrazione; successivamente verranno stabilizzati coloro che vantano servizio successivo al 7 giugno 2017 (data di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del Decreto); per ultimi, invece, saranno assunti coloro che hanno prestato servizio dopo il 28 agosto 2015.

Le procedure così descritte dovrebbero essere attivate tra qualche mese (leggi il nostro approfondimento sugli adempimenti richiesti alle Amministrazioni) e gli enti potranno prorogare, oltre il termine dei 36 mesi, i contratti dei precari che potranno accedere alla stabilizzazione, così che possa essere garantita la continuità del servizio.

Il nostro staff è particolarmente attento a tutte le dinamiche che riguarderanno i pubblici dipendenti precari e, per qualsiasi chiarimento o delucidazione, potrai rivolgerti a noi inviando una mail all’indirizzo [email protected].

Vuoi sapere se hai requisiti per partecipare alla stabilizzazione? 

Scoprilo immediatamente rispondendo a poche semplici domande. Clicca qui per iniziare il questionario.
Al termine del quiz riceverai la risposta direttamente nella tua casella di posta elettronica!

Per restare aggiornato e non perderti nessuna informazione, iscriviti al nostro gruppo Facebook dedicato Stabilizzazione Precari.

2 COMMENTI

  1. Buonasera , ho tutti i requisiti per la stabilizzazione mediante art 20 comma 1 , tranne per un piccolo particolare:
    il mio contratto a tempo determinato per anni 1 con eventuale proroga , ottenuto tramite avviso pubblico con esito positivo , e’ iniziato il 20 gennaio 2015.
    Il 20 gennaio 2016 è stato prorogato per ulteriori 2 anni , quindi è scaduto il 18 gennaio 2018.
    Il piano triennale dl fabbisogno prevede l’assunzione nel 2018 della figura da me ricoperta , inoltre è volontà dell’amministrIone procedere alla stabilizzazione tramite La Madia.
    Le chiedo possono essere ostativi alla stabilizzazione la mancanza di 20 gg di gennaio 2015 ?
    Anticipatamente la ringrazio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here