Home Concorso per medici, illegittimo il limite dei 65 anni

Concorso per medici, illegittimo il limite dei 65 anni

RICORSO

Il ministero dell’Interno, dipartimento dei Vigili dei Fuoco, ha autorizzatola selezione di un massimo di 121 incarichi a tempo determinato come Medico del servizio sanitario.

In questi giorni, i vari dipartimenti regionali dei Vigili del Fuoco hanno bandito le diverse selezioni per titoli per l’assunzione a tempo determinato di medici del servizio sanitario dei Vigili.

Tra i requisiti richiesti per partecipare alle diverse selezioni troviamo però  il “non aver superato i 65 anni di età”. Secondo il nostro staff legale, l’amministrazione ha inserito in modo illegittimo il requisito di un età minima.

Già in passato, lo stesso corpo aveva bandito una selezione, escludendo dalla partecipazione i medici in quiescenza. Le nostre precedenti vittorie e le conseguenti riammissioni dei nostri ricorrente (leggi qui) hanno spinto l’amministrazione a modificare i requisiti richiesti dal bando. Invece della dicitura “medici in quiescenza” hanno inserito un illegittimo limite d’età.

L’Amministrazione ha deciso di aggirare il requisito illegittimo della quiescenza del lavoratore introducendo un limite di età che, nei fatti, provoca il medesimo effetto escludente, posto che qualsiasi medico in quiescenza ha già compiuto almeno 65 anni.

I 121 medici prenderanno servizio in diverse sedi italiane:

– Abruzzo (4 posti)
– Basilicata (2 posti)
– Calabria (5 posti)
– Campania (7 posti)
– Emilia Romagna (10 posti)
– Friuli Venezia Giulia (4 posti)
– Lazio (14 posti)
– Liguria (5 posti)
– Lombardia (13 posti)
– Marche (4 posti)
– Molise (2 posti)
– Piemonte (9 posti)
– Puglia (5 posti)
– Sardegna (4 posti)
– Sicilia (12 posti)
– Toscana (11 posti)
– Umbria (2 posti)
– Veneto e Trentino (8 posti)

Scarica l’elenco completo dei posti disponibili

TIPOLOGIA DI RICORRENTE

Possono aderire al ricorso:

  • I medici che hanno compiuto già 65 anni

OBIETTIVO DA RAGGIUNGERE

  • Ammissione alla procedura concorsuale.

AUTORITÀ ADITA

  • TAR competente territorialmente.

TIPOLOGIA DI RICORSO E MODULISTICA

Il ricorso è di tipo individuale.

SCADENZA

19 dicembre 2018.

MOMENTO DAL QUALE DECORRE LA LESIONE

  • Dalla pubblicazione del bando di concorso, in quanto la clausola discriminatoria sui limiti di età si configura quale escludente, impedendo la partecipazione alla procedura selettiva in esame.

Per ricevere qualsiasi tipo di informazione invia una mail all’indirizzo info@leonefell.com o compila il nostro form “Raccontaci il tuo caso”.

Per informazioni immediate chiama 0917794561

Immatricolate a Medicina senza test: La Sapienza obbligata a “occupare” i...

Abbattuto un altro muro sul fronte della carenza di medici in Italia. L’Università La Sapienza è stata obbligata dal Tar Lazio a utilizzare ulteriori...

Ricalcolo pensione (art. 54), nostra vittoria per un sottoufficiale dell’Esercito!

8.000
Arruolato nel 1980, era andato in congedo nel 2014, con la carica di sottoufficiale dell’Esercito. Ritenendo errato l’ammontare della propria pensione aveva chiesto il...

Diritto alla salute, vittoria al Consiglio di Stato per 150 medici...

Non avevano potuto accedere alla scuola di Specializzazione medica in quanto il Miur aveva chiuso le graduatorie senza però tenere conto delle eventuali rinunce...

Inidoneo per massa grassa, errata valutazione: nostra vittoria al Tar!

Era stato dichiarato inidoneo della Commissione medica per l'accertamento dei requisiti psicofisici ed era stato pertanto escluso dal Concorso per l'assunzione di 1.148 Allievi...

Medicina 2018, errato calcolo del fabbisogno: nostra ricorrente immatricolata!

Aveva partecipato allo scorso test d’ammissione per accedere a Medicina e chirurgia, ma non era riuscita a conquistare un posto in graduatoria utile per l’immatricolazione....
Francesco Leone
L’avv. Francesco Leone si è laureato presso la Facoltà di Giurispudenza di Palermo con una tesi in diritto costituzionale dal titolo “Le Forme di Governo e i Sistemi Elettorali”. Grazie alla guida del dominus Francesco Stallone, ha maturato esperienze come consulente per numerosi Enti Pubblici e Società Private con specifico riferimento alla predisposizione di bandi di gara, schemi di provvedimenti amministrativi e di contratti, interpretazione e applicazione della normativa regionale, nazionale e comunitaria. Superati immediatamente gli esami d’abilitazione, si iscrive all’Albo dell’Ordine degli Avvocati di Palermo. Da quel momento in poi, predispone e patrocina ricorsi singoli, e collettivi, presso la giurisdizione Amministrativa e Civile con particolare riferimento alle tematiche inerenti i Concorsi Pubblici, Esami di Stato, Esami d’Abilitazione, Urbanistica ed Edilizia, Contratti Pubblici/Appalti. Dal 2011 inizia a specializzarsi in Ricorsi Collettivi e Class Action aventi ad oggetto concorsi pubblici, procedure selettive e test d’ammissione e abilitazione. Nel 2013 crea un team di giovani professionisti che, coniugando ricerca scientifica e nuove tecnologie, si occupa con successo di tutti i grandi casi giurisprudenziali degli ultimi anni. Test d’ammissione a Medicina e Professioni Sanitarie, Esami d’abilitazione professionale, Concorsi nelle Forze dell’Ordine, Concorso dell’Agenzia delle Entrate, Selezioni CIAPI, Concorso “Roma Capitale”, Concorso MEF 2015, Piano Giovani e Garanzia Giovani (Youth Guarantee), Concorso Vigile del Fuoco, Accesso alle Scuole di Specializzazione Medica, Trasferimento in Italia da ateneo estero, Stabilizzazione precari e tutte le problematiche inerenti la Scuola rappresentano solo una parte delle attività professionali sino ad oggi svolte.