Home Ricorso Straordinario Test Medicina 2018/2019

Ricorso Straordinario Test Medicina 2018/2019

43829
0

CONTESTO

Certi delle ragioni del nostro ricorso e fiduciosi grazie ai primi esiti positivi (Test Medicina 2018, vinto il ricorso!), abbiamo deciso di predisporre un ricorso straordinario per consentire a chi non ha già aderito al ricorso ordinario di ottenere l’immatricolazione a Medicina e Odontoiatria, Veterinaria e Imat.

Anche quest’anno, il test d’accesso è stato caratterizzato da diverse irregolarità, alcune delle quali già vagliate positivamente dal Giudice amministrativo, che negli anni passati hanno consentito a migliaia di nostri ricorrenti l’accesso a Medicina. 

Ecco alcune delle irregolarità che contestiamo attraverso il nostro ricorso:

ILLEGITTIMO INSERIMENTO DELLE DOMANDE DI LOGICA: il Miur erra nell’inserire ogni anno domande di logica nel test d’accesso ai corsi di laurea a numero programmato perché la legge non le prevede. Contestando le domande di logica matematica cui avete dato una risposta erronea si potrebbe riuscire a far ottenere ad ogni ricorrente un punteggio ulteriore rispetto a quello conseguito fino a un massimo di 30 punti.

MANCATO RISPETTO DEL FABBISOGNO: l’illegittima determinazione dei posti messi a disposizione dal Ministero risulta inferiore rispetto a quanto previsto dalla legge e alla capacità recettiva mostrata dagli Atenei. Il Consiglio di Stato ha accolto il nostro ricorso del 2017, obbligando il Miur a ricognizione dei posti. Una storica sentenza che presto aprirà le porte a migliaia di studenti. 

Rientrano tra i motivi del ricorso anche le irregolarità da noi denunciate alle autorità competenti, riguardanti l’utilizzo di smartphone e altri dispositivi connessi a Internet durante il test. Ed ancora i fatti riguardanti CataniaCagliari, Napoli e tutti gli Atenei in cui ci sono state segnalate delle irregolarità rilevanti.

TIPOLOGIA DI RICORRENTE

Possono aderire al ricorso tutti coloro che hanno ottenuto un punteggio superiore o uguale a 20.

SCADENZA

Scadenza: 10 gennaio

Per informazioni contattate lo studio inviando una mail a info@leonefell.com

Per contattare il legale più vicino a casa tua, chiama il nostro studio e fissa un appuntamento con un avvocato della nostra Rete dei diritti.

Chiama

call

Scrivici Una Mail

mail

Facebook Messenger

unnamed

Sapevi che si può essere ammessi al corso di laurea in Medicina senza superare i test?

Per conoscere la nostra campagna di immatricolazioni senza test clicca qui!

News

News

Francesco Leone
L’avv. Francesco Leone si è laureato presso la Facoltà di Giurispudenza di Palermo con una tesi in diritto costituzionale dal titolo “Le Forme di Governo e i Sistemi Elettorali”. Grazie alla guida del dominus Francesco Stallone, ha maturato esperienze come consulente per numerosi Enti Pubblici e Società Private con specifico riferimento alla predisposizione di bandi di gara, schemi di provvedimenti amministrativi e di contratti, interpretazione e applicazione della normativa regionale, nazionale e comunitaria. Superati immediatamente gli esami d’abilitazione, si iscrive all’Albo dell’Ordine degli Avvocati di Palermo. Da quel momento in poi, predispone e patrocina ricorsi singoli, e collettivi, presso la giurisdizione Amministrativa e Civile con particolare riferimento alle tematiche inerenti i Concorsi Pubblici, Esami di Stato, Esami d’Abilitazione, Urbanistica ed Edilizia, Contratti Pubblici/Appalti. Dal 2011 inizia a specializzarsi in Ricorsi Collettivi e Class Action aventi ad oggetto concorsi pubblici, procedure selettive e test d’ammissione e abilitazione. Nel 2013 crea un team di giovani professionisti che, coniugando ricerca scientifica e nuove tecnologie, si occupa con successo di tutti i grandi casi giurisprudenziali degli ultimi anni. Test d’ammissione a Medicina e Professioni Sanitarie, Esami d’abilitazione professionale, Concorsi nelle Forze dell’Ordine, Concorso dell’Agenzia delle Entrate, Selezioni CIAPI, Concorso “Roma Capitale”, Concorso MEF 2015, Piano Giovani e Garanzia Giovani (Youth Guarantee), Concorso Vigile del Fuoco, Accesso alle Scuole di Specializzazione Medica, Trasferimento in Italia da ateneo estero, Stabilizzazione precari e tutte le problematiche inerenti la Scuola rappresentano solo una parte delle attività professionali sino ad oggi svolte.