Home Abilitazione Forense Abilitazione Forense, esami orali: illegittimo il mancato sorteggio delle domande

Abilitazione Forense, esami orali: illegittimo il mancato sorteggio delle domande

curriculm-avvocati-400x266La giurisprudenza amministrativa ha avuto modo di soffermarsi, più volte, sulle corrette modalità di svolgimento della fase orale dell’esame di abilitazione forense.

Grazie alle azioni proposte dallo Studio Legale, negli scorsi anni si è consolidato un indirizzo giurisprudenziale con il quale è stato più volte dichiarato illegittimo, nelle fasi orali, il mancato sorteggio delle domande da rivolgere ai candidati.

Il predetto sorteggio trova la propria fonte nell’art. 12 del D.P.R 487/1994 il quale prevede che le Commissioni esaminatrici, “immediatamente prima dell’inizio di ciascuna prova orale, determinano i quesiti da porre ai singoli candidati per ciascuna delle materie di esame. Tali quesiti sono proposti a ciascun candidato previa estrazione a sorte”.

Il fondamento del nuovo indirizzo giurisprudenziale è rintracciabile nel rispetto della trasparenza e della par condicio tra i candidati che prendono parte allo svolgimento delle procedure concorsuali.

Pertanto, le domande poste al candidato devono essere estratte a sorte sulla base di quesiti predeterminati. 

abilitazioneIn mancanza di tale modalità di svolgimento è possibile proporre un ricorso davanti al Tar competente (dipenderà dalla Corte d’appello in cui si è svolto l’esame) con cui chiedere la predisposizione di una nuova prova d’esame orale davanti ad una nuova commissione.

Si ricorda che il termine per la presentazione del ricorso è di 60 gg (ricorso ordinario) o 120 gg (ricorso straordinario), che decorrono dal giorno in cui il candidato ha sostenuto l’esame orale.

Per scaricare i moduli di adesione CLICCA QUI

Per maggiori informazioni scrivici nella sezione “Raccontaci il tuo caso“.

Articolo a cura del Dott. Ciro Catalano

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here


4 + 1 =