Coesione Sud, domande errate: nostro ricorrente inserito in graduatoria!

Il Tar ha accolto il nostro ricorso e ha disposto l'aggiornamento del punteggio, facendo così rientrare il nostro ricorrente nella graduatoria! del concorso Coesione Sud

Domanda errata, cosa abbiamo contestato

Nella prova scritta del concorso Coesione Sud, tra le domande segnalate, una faceva riferimento a una normativa abrogata e dunque non più in vigore. Ovviamente, per tale ragione, nessuna delle opzioni di risposta poteva essere considerata corretta.

Il quesito contestato era il seguente (n. 27):

Cosa prevede la Legge 241/1990, in caso di decorrenza del previsto termine senza che sia stato comunicato il parere obbligatorio di un organo consultivo o senza che esso abbia rappresentato esigenze istruttorie?:

  • A: Che l’amministrazione richiedente è obbligata a procedere indipendentemente dall’acquisizione del parere;
  • B: Che è in facoltà dell’amministrazione richiedente di procedere indipendentemente dall’acquisizione del parere;
  • C: Che è obbligo dell’amministrazione richiedente interrompere il procedimento e sollecitare il parere che deve essere reso definitivamente entro i successivi trenta giorni.

Abbiamo contestato il quesito in sede di ricorso e i giudici del Tar hanno accolto il ricorso e disposto l’aggiornamento del punteggio del nostro ricorrente che è stato così inserito in graduatoria.

Coesione Sud, la nostra vittoria al Tar

Il motivo è fondato – scrivono i giudici – Orbene, la soluzione fornita dalla parte ricorrente (B, ndr) appare essere quella corretta alla luce delle modifiche normative operate all’art. 16 l. 241/1990 dal d.l. 76/2020, convertito con modificazioni dalla l. 120/2020. Tale novella ha, infatti, abrogato la precedente formulazione del comma 2 dell’art. 16 l. 241/1990 in ossequio alla qualeIn caso di decorrenza del termine senza che sia stato comunicato il parere obbligatorio o senza che l’organo adito abbia rappresentato esigenze istruttorie, è in facoltà dell’amministrazione richiedente di procedere indipendentemente dall’espressione del parere” stabilendo che “In caso di decorrenza del termine senza che sia stato comunicato il parere o senza che l’organo adito abbia rappresentato esigenze istruttorie, l’amministrazione
richiedente procede indipendentemente dall’espressione del parere”.

Con questa motivazione, i giudici hanno riconosciuto che “è stato alla parte interessata riconosciuto un punteggio sottodimensionato rispetto a quello alla medesima effettivamente spettante” e pertanto ne hanno disposto l’aggiornamento.

Il nostro studio legale è da anni in prima linea per garantire ai candidati tutela avverso le ingiustizie che possono derivare dai concorsi pubblici. Come sempre, siamo pronti a difendere i vostri diritti. Clicca su INIZIA e compila il form per fare la tua segnalazione o essere ricontattato dal nostro staff legale specializzato!



22/09/2022

Categorie

Hai bisogno di altre informazioni?

small_c_popup.png

Diffida CIG Covid - Società

Inserisci I Dati E Ricevi La Diffida Pronta Con I Tuoi Dati!

small_c_popup.png

Diffida CIG Covid - Impresa individuale

Inserisci i dati e Ricevi la diffida pronta con i tuoi dati!