Home #IOINSEGNO Concorso primaria e infanzia: pochi i posti banditi, bando da impugnare

Concorso primaria e infanzia: pochi i posti banditi, bando da impugnare

Scuola ricorso straordinario per sospendere la mobilitàPubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto del concorso ordinario Primaria e infanzia e a breve sarà pubblicato anche il bando. Il nostro staff legale ha sin da subito notato l’esclusione di alcune categorie dalla partecipazione, come ad esempio gli educatori, o ancora la mancata valutazione del servizio tra i titoli ammissibili, il calcolo errato degli ammessi agli scritti dopo l’eventuale preselettiva e il limite del 10% degli idonei.

Inoltre, i 17 mila posti messi a bando sono insufficienti a coprire il reale fabbisogno di insegnanti. Mancano all’appello tantissimi posti di sostegno, perché considerati illegittimamente in deroga. E non è prevista la stabilizzazione delle sezioni Primavera che da due anni fanno parte a tutti gli effetti del sistema ordinamentale dello Stato.

L’ammissione al concorso sarà riservata a chi è in possesso della laurea in Scienze della formazione primaria oppure del diploma magistrale con valore di abilitazione e diploma sperimentale a indirizzo linguistico, conseguiti presso gli istituti magistrali, o analogo titolo di abilitazione conseguito all’estero e riconosciuto in Italia. Il concorso si svilupperà su tre prove, una pre-selettiva (da svolgersi solo qualora il numero dei candidati superi di quattro volte i posti disponibili), una scritta e un orale, con valutazione titoli per coloro che saranno reputati idonei.

Per rimanere aggiornato iscriviti al nostro gruppo facebook “Scuola, Precariato e Concorsi”. Per ulteriori dubbi o comunicazioni con il nostro staff legale invia una mail a info@leonefell.com

newsletter

Vuoi ricevere le notizie direttamente nella tua mail? Clicca qui e iscriviti alla newsletter

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here


5 + 1 =