Home Senza categoria Progetto “Diritti a scuola”, Puglia: diffida per il riconoscimento del punteggio

Progetto “Diritti a scuola”, Puglia: diffida per il riconoscimento del punteggio

diritti a scuolaLa Regione Puglia, nei mesi scorsi, ha delineato il progetto “Diritti a scuola”, giunto alla sua settima edizione, volto a ridurre la dispersione scolastica mediante il sostegno a ragazzi che vivono in condizioni di disagio socio-economico.

Il bando del 2016

Il bando 2016 porta delle sostanziali novità: prevista a scuola l’apertura di uno sportello, a disposizione di studenti e famiglie, gestito da uno psicologo iscritto all’albo. A questa figura potrà anche essere affiancata quella di un orientatore oppure di un mediatore culturale o di un giurista che si occuperà di educazione alla legalità ed alla cittadinanza attiva.

Le scuole secondarie potranno anche scegliere di potenziare le competenze tecnico-professionali, assumendo insegnanti tecnico-pratici dalle graduatorie d’istituto per lo svolgimento di particolari progetti di laboratorio mirati al rafforzamento delle competenze trasversali.

In più, le scuole potranno investire sulla formazione del corpo docente in ruolo con corsi di formazione su nuovi linguaggi di comunicazione e tecniche didattiche innovative.

Il riconoscimento del punteggio

Il riconoscimento del punteggio per il progetto, per i docenti che lo hanno svolto, sarà utile nel 2017 per l’aggiornamento delle graduatorie di terza fascia. In passato (clicca qui per il precedente) , tuttavia, venne negata l’attribuzione di tale punteggio ai fini della partecipazione ai PAS (percorsi abilitanti speciali).

A tal proposito, lo studio legale Leone ha predisposto una diffida nei confronti dell’amministrazione, intimandola di riconoscere il punteggio per il prossimo aggiornamento.

Clicca qui per scaricare la diffida.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here


2 + 8 =