Home Indennità INPS professioni e lavoratori autonomi iscritti alla gestione separata

Indennità INPS professioni e lavoratori autonomi iscritti alla gestione separata

RICORSO

Con il decreto Cura Italia il Governo ha riconosciuto in favore di dei professioni e lavoratori autonomi iscritti alla gestione separata INPS un’indennità per il mese di marzo e di aprile pari a 600 euro.

Secondo quanto previsto dalla disposizione, ai fini dell’erogazione del relativo contributo, l’INPS avrebbe dovuto accertare solo ed esclusivamente la presenza dei requisiti predetti. Nonostante la chiarezza del dettato normativo e della volontà legislativa ad esso sotteso, l’INPS ha arbitrariamente subordinato l’erogazione dell’indennità alla previa verifica di ulteriori requisiti non previsti dalla legge.

L’istituto, dunque, in modo del tutto illegittimo si è arrogato un potere di controllo che la legge, nel caso in esame, non gli ha conferito. A causa della limitazione arbitrariamente introdotta, migliaia di professioni e lavoratori autonomi si sono visti respingere la domanda correttamente inoltrata in modalità telematica, entro le relative scadenze.

Tale rigetto è a nostro avviso illegittimo poiché lo stesso risulta fondato su un requisito non previsto dalla norma. Per tale ragione, al fine di tutelare il diritto di tutti i professioni e lavoratori autonomi ad ottenere l’indennità spettante, abbiamo attivato una class action con la quale tuteleremo le ragioni di tutti gli interessati.

La presentazione del ricorso dinanzi l’Autorità giudiziaria competente sarà preceduta da un tentativo di risoluzione stragiudiziale della controversia che potrebbe consentire a tutti gli aderenti all’azione collettiva un rapido ristoro delle proprie ragioni.

TIPOLOGIA DI RICORRENTE

Tutti i professioni e lavoratori autonomi iscritti alla gestione separata che si sono visti respingere la domanda a causa di una pretesa irregolarità contributiva mai prevista dall’art. 27 del D.L. 18/2020

COSTO DELL'AZIONE

L’azione ha un costo di 0,00 €. Soltanto in caso di vittoria saranno corrisposti € 200,00 a titolo di onorario.

TERMINE DI ADESIONE

15 luglio 2020

MODULISTICA - RICORSO COLLETTIVO

Per ricevere i moduli di adesione e qualsiasi tipo di informazione, invia una mail all’indirizzo info@leonefell.com o compila il nostro form “Raccontaci il tuo caso”.

Per informazioni immediate chiama 0917794561

Ricalcolo pensione (art. 54) Forze armate e dell’ordine, ok anche a...

Il ricalcolo della propria pensione spetta anche ai militari in pensione con più di 20 anni di servizio utile. A stabilirlo diverse sentenze della...

Ex Carbiniere, Inps condannato al ricalcolo pensione

536 Allievi Marescialli
Era andato in pensione nel 2018 come Brigadiere dei Carabinieri, l’Inps gli aveva riconosciuto la pensione ordinaria diretta di vecchiaia liquidata con il sistema...

“Incontro ai diritti”, focus sul ricalcolo pensioni militari il 25 marzo...

ricalcolo pensione
Il Ricalcolo pensioni sarà al centro dell'incontro di lunedì 25 marzo, a partire dalle ore 15, a Napoli. La partecipazione all’evento, organizzato dallo Studio...

Polizia penitenziaria, ok della Corte dei Conti per il ricalcolo della...

In pensione dal 2015, aveva chiesto all’Inps il ricalcolo della propria pensione in quanto calcolata in maniera errata. Al rigetto, l’ex agente di polizia...

Marina Militare: l’ok della Corte dei Conti per il ricalcolo della...

marina militare
Mentre l’Inps continua a calcolare e a liquidare erroneamente l’importo della pensione per gli ex militari, attribuendo un’aliquota prevista per il personale civile al...