Home Senza categoria TEST MEDICINA 2015: POSTI RESIDUI DA RIDISTRIBUIRE, BUONA NOTIZIA PER I CANDIDATI...

TEST MEDICINA 2015: POSTI RESIDUI DA RIDISTRIBUIRE, BUONA NOTIZIA PER I CANDIDATI DEL 2016

test-medicina1La notizia è di quelle che fanno tornare il sorriso e palpitare il cuore di centinaia di studenti.

Come anticipato nella giornata di ieri (clicca su questo link), il Consiglio di Stato ha accolto le tesi difensive dello studio legale Leone-Fell relative ai ricorsi presentati a seguito dell’illegittima chiusura delle graduatorie, intervenuta con D.M. 50 dell’8 febbraio 2016.

Come ampiamente commentato, il Cds ha deciso di riaprire le graduatorie del test di medicina del 2015 e permettere, ai ricorrenti ed ai non ricorrenti, di immatricolarsi.

Ma per ben capire cosa è accaduto, e i riflessi che tale provvedimento avrà nei prossimi mesi, bisogna fare un passo indietro e percorrere insieme la nostra battaglia.

TEST MEDICINA 2015: IL D.M. N. 50/2016

In data 8 febbraio 2016, con decreto n. 50, il Miur ha comunicato all’articolo 1 che tutti i soggetti in posizione utile che hanno confermato l’interesse avrebbero avuto tempo sino al 15 febbraio 2016 (termine perentorio) per immatricolarsi.

Fermamente convinti dell’illegittimità della mancata copertura dei posti vacanti, abbiamo proposto appositi ricorsi giurisdizionali.

Nonostante i primi ricorsi siano stati discussi già nel mese di marzo, con evidenti ragioni cautelari, il collegio del Tar, in primo grado, non ha accolto le nostre tesi, sostenendo che “l’istanza cautelare volta all’ammissione in sovrannumero di parte ricorrente non può essere accolta atteso che le censure dedotte, ove accolte, non potrebbero che comportare l’annullamento dell’intera procedura concorsuale, come già evidenziato in innumerevoli precedenti conformi della Sezione (cfr.ord. n.985/2016 del 25 febbraio 2016)”.

Avverso tale ordinanza di rigetto lo studio legale ha presentato appello cautelare al Consiglio di Stato che, dopo essersi parzialmente pronunciato positivamente con decreto del Presidente di Sezione, ha accolto le nostre tesi difensive, riconoscendo che “la mancata utilizzazione dei residui posti – a tali date ancora disponibili presso ciascuna università – conseguente a tale d.m. può ragionevolmente imputarsi a disfunzioni dell’amministrazione, piuttosto che a omissioni dei candidati”.

TEST MEDICINA 2015: I POSTI RIMASTI LIBERI

       graduatorie_hd_tpLo studio legale, ai fini di documentare l’esistenza di posti effettivamente rimasti liberi, ha richiesto a tutte le Università e al MIUR, tramite apposite istanze di accesso agli atti, i posti che risultavano liberi a seguito della chiusura della graduatoria.

La risposta degli atenei è stata disarmante.

Il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, con apposita nota trasmessa a tutti i Rettori e ai Direttori Generali delle Università (clicca qui per prendere visione della nota), ha comunicato che “le istanze d’accesso indirizzate agli atenei non potranno avere seguito”, indicando il Ministero come unico soggetto competente ad evaderle.

Ebbene, ad oggi il MIUR non ha mai ufficialmente quanti posti siano rimasti scoperti e non assegnati nell’anno accademico 2015/2016, comprimendo, di fatto, il numero dei futuri medici.

Ciononostante, tramite un attento studio della graduatoria, il nostro Staff ha effettuato tutti i calcoli necessari per conoscere i posti rimasti vacanti a seguito del decreto e le soglie di punteggio utili per l’accesso alla facoltà.In particolare, il calcolo si è focalizzato sui posti residui dei singoli Atenei (Clicca qui per visualizzare la griglia con i posti).

Ovviamente il numero di posti liberi è sicuramente aumentato, in ragione delle eventuali rinunce o mancate immatricolazioni degli assegnati, che dovevano completarsi nei termini perentori.

TEST MEDICINA 2015: COSA SUCCEDE ORA

Il Cds con la recente pronuncia ha disposto, con effetti erga omnes, che le università evocate in giudizio continueranno a scorrere le graduatorie.

Clicca qui per prendere visione della graduatoria parziale.

In verità, seppur evocate in giudizio, le Università non possono scorrere le graduatorie. Come più volte affermato dallo stesso MIUR, è il Ministero l’unico detentore della graduatoria, unica nazionale.

Pertanto, stante l’efficacia erga omnes del provvedimento, tutti i candidati con posizione utile sono interessati dal provvedimento, indipendentemente dall’ateneo di riferimento, ed é il Ministero che dovrà far scorrere la graduatoria, o creare un’apposita “Graduatoria dei posti residui” (così come accaduto l’anno precedente, con Decreto Ministeriale 17 dicembre 2014 n. 901).

Per capire nel dettaglio cosa deve fare il candidato leggi le nostre FAQ.

TEST MEDICINA 2016: COSA SUCCEDE ALLA NUOVA GRADUATORIA

scorrimento-graduatoria-medicinaI posti rimasti liberi fanno riferimento alla graduatoria del 2015, pertanto tale decisione non riguarda i candidati del test 2016/2017.

Certamente, però, se il concorrente si immatricola con il provvedimento del CDS ed è, al contempo, in posizione utile anche per la graduatoria del 2016, lascerà libero il posto che potrà essere utilizzato dagli altri candidati del test del 2016.

Questa è dunque un’ottima notizia anche per coloro che hanno fatto oggi per la prima volta il test ed avranno, possibilmente, più posti disponibili rispetto a quelli messi a bando!

TEST MEDICINA 2016: QUESITI ERRATI E ANNULLAMENTO ANAGRAFICA

A seguito di alcune segnalazioni, sono stati posti all’attenzione dei nostri esperti alcuni quesiti che sembrerebbero errati e altri fuorvianti nella loro formulazione.

professioni-sanitarie-2016Chiunque avesse notato anomalie nelle domande, criticità o quesiti fuorvianti può segnalarcelo attraverso il nostro sportello segnalazioni oppure raccontaci la tua esperienza a “Raccontaci il tuo caso”.

Nel frattempo, sono state centinaia le richieste di aiuto da parte di coloro che non hanno sottoscritto la scheda anagrafica. Per capire cosa fare in questo caso, vai al seguente link.

Diverse segnalazioni stanno giungendo in questi giorni circa quanto accaduto nel test dello scorso 6 settembre nei diversi atenei italiani, relative a comportamenti anomali dei commissari e dei candidati, o anche alcune anomalie registrate durante la fase di registrazione dei candidati e di applicazione delle etichette adesive.

Anche in questo caso vi invitiamo a raccontarci la vostra esperienza attraverso il nostro  sportello segnalazioni oppure tramite il canale “Raccontaci il tuo caso”.

TEST MEDICINA 2016: ATTENZIONE AL BANDO

Allo stato attuale, quindi, bisognerà prestare attenzione a ciò che farà il Ministero per i test del 2016.

Oltre alla esclusione per mancata sottoscrizione dell’anagrafica ed alla penalizzazione per la presenza di domande errate, il nostro Staff Legale sta analizzando tutte le restanti contestazioni relativa ad irregolarità procedurali.

Continuate, pertanto, ad inviarci le vostre segnalazioni: scrivete a “Raccontaci il tuo caso

Seguiteci nel nostro FB “Test di Medicina – manuale di sopravvivenza”.

 

2 COMMENTI

  1. Salve, la sentenza in questione potrebbe riguardare anche coloro che hanno confermata la disponibilità per mesi ma non fino a febbraio?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here