Home comunicazioni Ricorso medicina e odontoiatria 2017 – F.A.Q

Ricorso medicina e odontoiatria 2017 – F.A.Q

Dopo la diretta video con gli avvocati Francesco Leone e Simona Fell, abbiamo preparato le risposte alle domande più frequenti che ci avete posto in questi giorni. 

Se avete altri dubbi o desiderate ulteriori informazioni, inviate una mail a info@avvocatoleone.com

Quali sono le tipologie di ricorso ed i motivi posti a sostegno degli stessi?

A) Collettivo

Possono aderire al ricorso tutti coloro che hanno sostenuto il test di medicina 2017, indipendentemente dal punteggio ottenuto.

  • Motivi di ricorso:

– domande non inedite (per saperne di più clicca qui);

– violazione dell’anonimato;

– mancata conferma di interesse (per saperne di più clicca qui);

– presenza di quiz di logica che non dovevano esserci;

– numero dei posti messi a concorso insufficiente;

– violazioni che riscontreremo dall’analisi dei verbali;

– “fatti di Napoli, Milano e Fisciano”;

– chiusura senza preventiva redistribuzione dei posti rimasti vacanti;

  • Costo del ricorso:

500,00 euro (per tutto il ricorso senza alcuna spesa aggiuntiva);

  • Possibile l’ammissione a spese dello stato?

Nel caso in cui il reddito del ricorrente non superi la soglia di € 11.528,41, sarà possibile presentare ricorso accedendo – qualora risultino soddisfatti i requisiti – al gratuito patrocinio a spese dello stato. (clicca qui per maggiori informazioni).

Per maggiori info su queste violazioni e per aderire al ricorso clicca qui.

B) Individuale

Possono aderire al ricorso tutti coloro che rientrano nelle categorie sotto indicate;

  • Motivi di ricorso:

Verranno inseriti nel ricorso individuale TUTTI i motivi, sopra affrontati, relativi al ricorso collettivo. I motivi specifici che possono dare luogo ad un ricorso individuale sono, ad esempio:

– domande errate;

-mancata conferma di interesse se si ha un punteggio prossimo alla immatricolazione:

– scorrimenti della graduatoria erronea;

– assenza misure compensativa (DSA);

– studenti stranieri;

  • Costo:

1.500,00 euro (per tutto il ricorso senza alcuna spesa aggiuntiva) più 650,00 euro per il CU (per un totale di 2.150,00 euro complessivi);

  • Possibile l’ammissione a spese dello stato?

Nel caso in cui il reddito del ricorrente non superi la soglia di € 11.528,41, sarà possibile presentare ricorso accedendo – qualora risultino soddisfatti i requisiti – al gratuito patrocinio a spese dello stato. (clicca qui per maggiori informazioni).

Per maggiori info su queste violazioni e per aderire al ricorso clicca qui.

Durante la diretta i legali hanno spiegato che ci sono 7.000 posti vacanti – validi per le iscrizioni ad anno successivo al primo – mai assegnati dalle università. Posso usufruire di questi posti? 

Come spiegato durante la diretta (clicca qui per rivedere la diretta), lo Studio legale ha avuto accesso a dei documenti dai quali si può dimostrare che sono rimasti circa 7.000 posti vacanti mai assegnati destinati agli anni successivi al primo per la immatricolazione a Medicina o Odontoiatria. Lo Studio Legale sta proponendo dei ricorsi per consentire di coprire i 7000 posti mai assegnati. Per aderire alla campagna legale è necessario che lo studente rispecchi i seguenti requisiti:

  • essere laureandi/laureati o iscritti almeno al terzo anno di uno dei seguenti corsi di laurea (Farmacia, professioni sanitarie, Chimica, IMAT, Biologia, Veterinaria, CTF, ecc.).
  • avere maturato almeno 25 CFU in materie convalidabili nel corso di laurea in Medicina/Odontoiatria.

Posso proporre sia il ricorso collettivo per medicina sia quello per coprire i 7000 posti liberi (iscrizioni ad anni successivi al primo)?

Certo! In questo caso lo studio legale, per agevolare lo studente, consentirà di proporre due ricorsi (collettivo medicina 2017 + Iscrizione ad anno successivo al primo) ad un prezzo unico.

In questo caso accederai al ricorso che il nostro studio denomina “CUMULATIVO“.

Le condizioni per proporre il ricorso cumulativo sono:

  • avere partecipato ai test di ammissione per medicina e odontoiatria 2017/18 (tale requisito è necessario al fine di partecipare al ricorso collettivo per medicina 2017/18);
  • essere laureandi/laureati o iscritti almeno al terzo anno di uno dei seguenti corsi di laurea (Farmacia, professioni sanitarie, Chimica, IMAT, Biologia, Veterinaria, CTF, ecc.) INVIARE ALLEGATO AL MODULO RICORSO IL PIANO DI STUDI.
  • avere maturato almeno 25 CFU in materie convalidabili nel corso di laurea in Medicina/OdontoiatriaSe invece sei iscritto solo al secondo anno e vuoi sapere se hai conseguito almeno 25 CFU in materie convalidabili recati presso la segreteria della tua facoltà e chiedi maggiori info all’Ateneo.
  • Costo del ricorso Cumulativo:

In questo caso il costo del ricorso è di 1.500,00 euro (per tutto il ricorso senza alcuna spesa aggiuntiva) più 650,00 euro per il CU (per un totale di 2.150,00 euro complessivi).

A questo costo il ricorrente accederà a DUE RICORSI perché lo studio legale inserirà il ricorrente nel 1. ricorso collettivo di Medicina e nel 2. ricorso destinato alla immatricolazione ad anni successivi al primo.

  • Possibile l’ammissione a spese dello stato?

Nel caso in cui il reddito del ricorrente non superi la soglia di € 11.528,41, sarà possibile presentare ricorso accedendo – qualora risultino soddisfatti i requisiti – al gratuito patrocinio a spese dello stato. (clicca qui per maggiori informazioni).

Per maggiori info su questo ricorso e per aderire clicca qui.

Lo Studio legale consiglia il ricorso collettivo o quello individuale o quello cumulativo?

Posto che i motivi inseriti nel ricorso collettivo faranno parte anche di quello individuale, lo Studio legale ritiene entrambi i ricorsi validi e molto fondati. 

Inoltre, lo Studio ha già analizzato la possibilità di suddividere i ricorrenti anche all’interno del collettivo in tre categorie:

  • candidati che hanno ottenuto un punteggio <20 (INIDONEI);
  • candidati che hanno ottenuto un punteggio fra 20 e 50;
  • candidati che hanno ottenuto un punteggio fra 50 e 57.

Pertanto si consiglia l’individuale solo a coloro che hanno ottenuto almeno 57. Mentre tutti gli altri candidati verranno suddivisi secondo le 3 categorie sopra indicate e spiegate.

Chiaramente se si è iscritti ad almeno il terzo anno/laureandi o laureati in una delle discipline sopra indicate si consiglia il ricorso cumulativo.  In questo modo si potranno proporre DUE RICORSI al costo di uno solo (1. ricorso collettivo avverso il test di medicina 2017; 2. ricorso per l’immatricolazione ad anni successivi al primo).

Come aderire al ricorso?

Occorre scaricare i moduli di riferimento, compilarli A STAMPATELLO LEGGIBILE e inviarli a mezzo posta raccomandata IN ORIGINALE all’indirizzo di via della Libertà, n.62 – 90143 Palermo.

Per il ricorso cumulativo è OBBLIGATORIO INVIARE ALLEGATO AL MODULO RICORSO IL PIANO DI STUDI.

Non saranno accettate le adesioni che perverranno solo a mezzo mail/pec o fax.

Per maggiori informazioni nonché per scaricare i moduli di adesione clicca qui.

Posso fissare gratuitamente un appuntamento con un avvocato vicino a casa?

Si, per farlo mandaci una mail a info@avvocatoleone.com indicando la tua sede di residenza ed il tuo recapito telefonico oppure chiamaci allo 0917794561.

Non è possibile consegnare i moduli senza prima FISSARE UN APPUNTAMENTO.

Entro quando devo inoltrare i moduli?

La scadenza fissata è il 10/11. Questa non è una scadenza effettiva, perché, come molti di Voi già sanno, per promuovere l’azione legale in esame avete tempo sino a 60 gg dalla pubblicazione delle graduatorie (3 ottobre) ovvero (29 settembre – solo per coloro che non sono IDONEI ovvero hanno preso meno di 20 punti).

Però prima arriva la adesione prima promuoviamo il ricorso e prima possiamo ottenere un provvedimento utile per consentirVi l’immatricolazione.

Lo Studio legale spera, infatti, di poter avere una udienza utile entro dicembre.

Posso fare ricorso contemporaneamente anche per il concorso di Professioni Sanitarie/IMAT/Veterinaria?

Si, nulla osta alla proposizione del ricorso per tutti i concorsi cui hai partecipato. Sono ricorsi autonomi, aventi ad oggetto graduatorie differenti e non in conflitto fra di loro.

Per maggiori info sul concorso di Professioni sanitarie, clicca qui

Quando devo effettuare il pagamento?

Dopo aver compilato IN STAMPATELLO i moduli e sottoscritto il contratto, si deve effettuare il bonifico, allegando copia dello stesso al modulo prima di inviarlo a mezzo raccomandata.

E’ possibile rateizzare l’importo versando una prima metà subito e l’altra metà entro 30 gg, cioè:

ricorso collettivo (costo 500 euro): 250 subito e 250 entro fine novembre;

– ricorso individuale (costo 2.150 euro): 1150 euro subito e 1000 euro entro fine novembre.

Si può fare ricorso per ogni Ateneo?

Si, si può fare ricorso per ogni Ateneo.

Quali sono gli step del ricorso che stiamo avviando?

A) 10/11 conclusione della raccolta delle adesioni;

B) entro metà novembre prima mail da parte dello Studio per confermare l’arrivo dei moduli e la correttezza degli stessi; se vi saranno problemi nel modulo così il ricorrente potrà rettificarlo e sistemarlo in tempo utile;

C) ultima settimana di novembre notifica e deposito del ricorso;

D) prima settimana di dicembre nuova mail dello Studio legale con indicazione del numero di ruolo del ricorso e della data dell’udienza;

E) entro il 20/12 udienza e se si otterrà un provvedimento positivo, nei giorni successivi Ti potrai immatricolare.

In attesa di ottenere un possibile provvedimento positivo posso iniziare a seguire le lezioni?

Astrattamente no. Prima del possibile provvedimento positivo, non hai alcun titolo per iniziare a seguire le lezioni. Ma dipende tutto dagli Atenei quindi dovete chiedere a loro se potete seguire o meno le lezioni.

Se superate altri test d’ammissione potrete certamente iscrivervi in altri corsi di laurea.

Se mi potrò immatricolare a medicina dovrò fare rinuncia agli studi?

No, si potrà chiedere all’Ateneo di sospendere o congelare la immatricolazione che nel frattempo il ricorrente ha fatto presso un altro corso di laurea. Ciò per attendere l’esito definitivo del ricorso senza la paura di perdere il percorso di studi già avviato.

Si potrà, inoltre, chiedere la convalida delle materie già sostenute.

Quali sono le possibilità di vittoria?

Negli anni passati i Giudici amministrativi hanno accolto la tesi della violazione dell’anonimato o i ricorsi contro le domande errate o sulla mancata conferma di interesse e ancora sull’erroneo scorrimento delle graduatorie. 

Lo scorso anno il giudice amministrativo ha inoltre accolto per la PRIMA ED UNICA VOLTA il nostro ricorso contro le domande inedite. In tal senso, nutriamo buone speranze circa l’accoglimento di tali argomentazioni. 

Se si vince il ricorso si entra nella prima scelta?

Si, nella prima scelta o nella sede in cui c’è il posto disponibile.

Se sono in graduatoria e posso entrare con i successivi scorrimenti, posso comunque fare ricorso?

Si, se riesci ad immatricolarsi nel frattempo, può inoltrarci una richiesta di rinuncia ed il ricorso decadrà senza alcuna conseguenza sul percorso di studi del ricorrente.

Se ottengo un provvedimento favorevole, cosa significa “Immatricolato con riserva”?

Se alla prima camera di consiglio otteniamo un provvedimento utile, con il quale il giudice ammette il ricorrente al corso di laurea in medicina, potrai immatricolarti, ma con riserva. La riserva risiede nel fatto che questa immatricolazione non è ancora definitiva. Lo diverrà solo quando si concluderà il giudizio. Nel frattempo però avrai i medesimi diritti e gli stessi doveri degli altri studenti.

Con la sentenza sulla base della nostra esperienza personale il Giudice conferma sempre il provvedimento di ammissione sciogliendo definitivamente la riserva.

Se ottengo un provvedimento cautelare favorevole, mi devo immatricolare immediatamente a Medicina o posso attendere la conclusione del processo?

Alla prima udienza potremo ottenere un provvedimento cautelare positivo. Questo Vi consente di immatricolarVi immediatamente presso la Facoltà di Medicina o le altre per cui avete presentato ricorso.

Vi sconsigliamo di attendere la sentenza definitiva. Se invece un ricorrente NON VUOLE immatricolarsi SUBITO deve procedere necessariamente a fare un ricorso individuale nel quale non inseriremo la richiesta cautelare così da non avere una udienza subito.

Link e informazioni utili

Per rivedere la diretta streaming degli avvocati Leone e Fell, clicca qui 

Per fissare un appuntamento con un avvocato vicino casa tua, scrivi una mail a info@avvocatoleone.com e chiedi un appuntamento indicando la tua sede ed il tuo recapito telefonico.

Per maggiori informazioni nonché per aderire al ricorso clicca qui.

Per rimanere aggiornato e seguire tutti gli aggiornamenti della campagna legale iscriviti al nostro gruppo facebook cliccando qui

Per informazioni chiama 0917794561 dalle 9,30 alle 13,30 e dalle 16,00 alle 19,30.

2 COMMENTI

  1. Se il ricorso collettivo sarà strutturato così come ha scritto lei cioè raggruppato per punteggi, a mio modesto modo di vedere, tenendo conto che inevitabilmente il tar dovrà fare selezione ai numerosi ricorsi presentati, è pressoché sicuro che saranno dichiarati inammissibili tutti quelli presentati da i non idonei con punteggi inferiore a 20. A questo punto ” tutti possono partecipare al ricorso” mi sembra discutibile. O mi sbaglio.

    • Non è proprio così. Nei ricorsi collettivi si contesta l’illegittimità di un’operazione, l0irregolarità della selezione, a prescindere dal punteggio. Quindi se l’illegittimità viene confermata, i giudici non posso coperare in maniera differente in base al punteggio, ma solo verificare se l’irregolarità si è verificata o meno e ha causato un danno ai ricorrenti. Dividere i ricorsi per punteggio è solo un modo per unire i ricorrenti per posizione simile

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here


4 + 8 =