Home Ricorso Concorso scuola - Riapertura termini

Ricorso Concorso scuola – Riapertura termini

4432
0

Sei un docente precario?
Hai lavorato per più di 36 mesi?
Sai che il comportamento del tuo datore di lavoro è illegittimo e
hai diritto ad un risarcimento del danno?!

CONCORSO SCUOLA

Bando Concorso Scuola 2018 – Docenti abilitati – Ricorso per ammissione dei docenti esclusi dalla fase transitoria – Riapertura termini

Il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca ha pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Bando relativo alla procedura concorsuale c.d. fase transitoria del Concorso per il reclutamento dei Docenti 2018.

La procedura concorsuale riguarda i docenti in possesso, alla data del 31/05/2017, di titolo abilitante all’insegnamento nella scuola secondaria o di specializzazione (…)”.

Si tratta di una procedura concorsuale agevolata, riservata ai docenti abilitati, che permetterà loro una modalità di accesso al ruolo più snella rispetto alla procedura ordinaria definita dagli artt. 2 e ss. del medesimo D. Lgs. 59/2017 (concorso, formazione triennale ed immissione in ruolo).

Tuttavia emerge che il Ministero ha impedito la partecipazione a tale fase agevolata ad una serie di docenti, invero considerati come abilitati dalle rilevanti disposizioni legislative nazionali ed europee, recepite in diverse occasioni dalla Giurisprudenza rilevante.

In particolare, la procedura concorsuale in questione è illegittima poiché, secondo quanto correttamente rilevato dal Consiglio di Stato con l’Ordinanza 5134/2018 “al contrario di quanto la denominazione potrebbe far pensare, non è scontato che [tali procedure abilitanti n.d.r.] siano state effettivamente disponibili alla generalità dei laureati che intendessero accedervi […] per un periodo non breve, quello compreso fra la soppressione delle SSIS e l’istituzione dei TFA, procedure abilitanti non ne esistevano. In secondo luogo, […] la possibilità di abilitarsi per una data materia, ovvero per la relativa classe di concorso, non dipendeva dalla disponibilità di un generico corso SSIS o TFA, ma da due specifiche circostanze, che non si potevano dar per scontate, ovvero in linea di diritto che nell’ambito di uno di questi corsi fosse stata attivata la specializzazione per la materia di interesse, e in linea di fatto che per l’iscrizione fossero disponibili posti per tutti gli aspiranti”.  D’altra parte “tale quadro non muta anche considerando che accanto ai percorsi abilitanti “ordinari” citati, l’ordinamento ne aveva previsti altri, ovvero i cd percorsi abilitanti speciali – PAS, che avevano la caratteristica comune di essere non aperti alla generalità degli aspiranti, ma di essere riservati a chi avesse già prestato servizio per un periodo minimo come docente non di ruolo, cd precario, presso le scuole statali o paritarie: in tal senso, ad esempio, la risalente O.M. 15 giugno 1999 n.153 e in seguito il D.M. 10 settembre 2010 n.249”. 

Diversamente ragionando, si giungerebbe a ritenere ammissibile un concorso riservato “aperto solo a determinati candidati, selezionati oltretutto in base a circostanze casuali, ovvero soltanto a coloro che avessero già prestato servizio nell’amministrazione e intrapreso un PAS, ovvero coloro che fossero riusciti a conseguire un diploma di SSIS o di TFA, risultato come si è visto non disponibile alla generalità dei laureati”.

Si precisa, al riguardo, che la presente azione, se, da un lato, potrebbe essere
considerata tardiva per l’impugnativa del bando concorsuale pubblicato in Gazzetta Ufficiale in data 16.2.2018, costituisce, ad avviso dello Studio legale, l’unico possibile rimedio per poter richiedere, laddove accolto, l’accesso alle prove concorsuali per coloro che non hanno avanzato ricorso precedentemente e che tuttavia, secondo la decisione del Consiglio di Stato, avrebbero dovuto essere ammessi.

OBIETTIVO DA RAGGIUNGERE

  • Ammissione dei ricorrenti alla procedura agevolata per il concorso scuola 2018

TIPOLOGIA DI RICORRENTE

· Laureati, indipendentemente dall’anno di laurea, privi di abilitazione all’insegnamento;
· Diplomati ITP;
· Dottori di ricerca;
· Specializzati;
· Docenti afferenti alle classi di concorso istituite per la prima volta con il D.P.R. 19/2016;
· AFAM V.O.;
· Docenti abilitati all’estero dopo il 31/05/2017;
· Laureati ISEF.

TIPOLOGIA DI RICORSO E MODULISTICA

  • COLLETTIVO: 150,00 €
  • INDIVIDUALE: 1.500,00 €

CLICCA QUI PER SCARICARE LA MODULISTICA DI ADESIONE

LA SUINDICATA MODULISTICA ANDRÀ COMPILATA IN OGNI SUA PARTE ED INVIATA ALLO STUDIO LEGALE CON LE MODALITÀ NELLA STESSA INDICATE

TERMINE DI ADESIONE

Il termine ultimo di adesione al ricorso 31/10/2018

NORMATIVA E GIURISPRUDENZA

Il Consiglio di Stato con l’Ordinanza 5134/2018 ha statuito l’illegittimità della procedura concorsuale in questione poiché “al contrario di quanto la denominazione potrebbe far pensare, non è scontato che [le procedure abilitanti n.d.r.] siano state effettivamente disponibili alla generalità dei laureati che intendessero accedervi […] ”.  D’altra parte “tale quadro non muta anche considerando che accanto ai percorsi abilitanti “ordinari” citati, l’ordinamento ne aveva previsti altri, ovvero i cd percorsi abilitanti speciali – PAS, che avevano la caratteristica comune di essere non aperti alla generalità degli aspiranti, ma di essere riservati a chi avesse già prestato servizio per un periodo minimo come docente non di ruolo, cd precario, presso le scuole statali o paritarie: in tal senso, ad esempio, la risalente O.M. 15 giugno 1999 n.153 e in seguito il D.M. 10 settembre 2010 n.249”. 

Diversamente ragionando, si giungerebbe a ritenere ammissibile un concorso riservato “aperto solo a determinati candidati, selezionati oltretutto in base a circostanze casuali, ovvero soltanto a coloro che avessero già prestato servizio nell’amministrazione e intrapreso un PAS, ovvero coloro che fossero riusciti a conseguire un diploma di SSIS o di TFA, risultato come si è visto non disponibile alla generalità dei laureati”.

AUTORITÀ ADITA

Autorità giudiziaria amministrativa

TIPOLOGIA DI RICORSO E MODULISTICA

  • COLLETTIVO: 150,00 €
  • INDIVIDUALE: 1.500,00 €

Per ricevere qualsiasi tipo di informazione invia una mail all’indirizzo info@avvocatoleone.com o compila il nostro form “Raccontaci il tuo caso”.

Per informazioni immediate chiama 0917794561

Speciale Scuola: gli avvocati Leone e Fell rispondono in diretta Facebook...

Grandi novità in arrivo dallo studio legale Leone-Fell per tutto il mondo della scuola. Da mercoledì 21 novembre alle ore 16, gli avvocati Francesco Leone,...

Scuola, concorso ordinario da oltre 10mila posti: boom di assunzioni nel...

scuola
Oltre 10mila posti saranno banditi nel settore dell‘istruzione nel 2019. Accanto al concorso straordinario già bandito per la scuola primaria e dell’infanzia  che non prevede posti predeterminati a bando, ma...

Speciale Concorso Scuola Primaria e reinserimento in Gae: diretta quotidiana con...

Ogni pomeriggio, fino a venerdì 16, a partire dalle 16, gli avvocati Francesco Leone e Simona Fell saranno in diretta sulla pagina Facebook Avv. Francesco Leone per rispondere alle vostre domande. Una live chat per...

Diploma Magistrale e inserimento in Gae diplomati magistrale: il CdS rimette...

Concorso docenti
Il Consiglio di Stato smentisce se stesso e rimette in discussione il diritto dei docenti in possesso di diploma magistrale all’inserimento in Gae, negato...

Concorso Docenti Scuola Primaria e dell’Infanzia 2018, al via il ricorso

ricongiungimento familiare
Concorso Docenti Scuola Primaria e dell’Infanzia 2018, pubblicato il bando in Gazzetta Ufficiale. Pubblicato  il bando di Concorso per la Scuola Primaria e dell’Infanzia, riservato ai...
Francesco Leone
L’avv. Francesco Leone si è laureato presso la Facoltà di Giurispudenza di Palermo con una tesi in diritto costituzionale dal titolo “Le Forme di Governo e i Sistemi Elettorali”. Grazie alla guida del dominus Francesco Stallone, ha maturato esperienze come consulente per numerosi Enti Pubblici e Società Private con specifico riferimento alla predisposizione di bandi di gara, schemi di provvedimenti amministrativi e di contratti, interpretazione e applicazione della normativa regionale, nazionale e comunitaria. Superati immediatamente gli esami d’abilitazione, si iscrive all’Albo dell’Ordine degli Avvocati di Palermo. Da quel momento in poi, predispone e patrocina ricorsi singoli, e collettivi, presso la giurisdizione Amministrativa e Civile con particolare riferimento alle tematiche inerenti i Concorsi Pubblici, Esami di Stato, Esami d’Abilitazione, Urbanistica ed Edilizia, Contratti Pubblici/Appalti. Dal 2011 inizia a specializzarsi in Ricorsi Collettivi e Class Action aventi ad oggetto concorsi pubblici, procedure selettive e test d’ammissione e abilitazione. Nel 2013 crea un team di giovani professionisti che, coniugando ricerca scientifica e nuove tecnologie, si occupa con successo di tutti i grandi casi giurisprudenziali degli ultimi anni. Test d’ammissione a Medicina e Professioni Sanitarie, Esami d’abilitazione professionale, Concorsi nelle Forze dell’Ordine, Concorso dell’Agenzia delle Entrate, Selezioni CIAPI, Concorso “Roma Capitale”, Concorso MEF 2015, Piano Giovani e Garanzia Giovani (Youth Guarantee), Concorso Vigile del Fuoco, Accesso alle Scuole di Specializzazione Medica, Trasferimento in Italia da ateneo estero, Stabilizzazione precari e tutte le problematiche inerenti la Scuola rappresentano solo una parte delle attività professionali sino ad oggi svolte.