Home Ricorso straordinario concorso scuola primaria e infanzia

Ricorso straordinario concorso scuola primaria e infanzia

CONCORSO SCUOLA

Bando Concorso Scuola Primaria e Infanzia

Pubblicato il bando di Concorso per la Scuola Primaria e dell’Infanzia.

Come avevamo già preannunciato, il concorso è riservato a coloro che hanno maturato ad oggi i requisiti stringenti individuati dall’art. 3 del Bando.

In particolare, alla procedura concorsuale potranno partecipare  solo i docenti diplomati Magistrale entro l’a.s. 2001/02 o con diploma sperimentale a indirizzo linguistico e i laureati in Scienze della Formazione Primaria che abbiano svolto, presso le scuole statali, nel corso degli ultimi otto anni scolastici, almeno due annualità di servizio specifico nella scuola dell’infanzia o primaria, anche non continuative, sia su posto comune che di sostegno.

Il concorso nasce per sanare la grave situazione creatasi con l’Adunanza Plenaria del dicembre 2017. Tuttavia, a causa della previsione di requisiti eccessivamente stringenti ed arbitrari, non riesce a soddisfare questa esigenza.

Sono diversi i vizi presenti nel Bando che esclude illegittimamente parecchie categorie di docenti, i quali pertanto potranno presentare ricorso. Per tale ragione, il nostro Studio ha deciso di intraprendere azioni legali per tutelare i docenti illegittimamente esclusi.

OBIETTIVO DA RAGGIUNGERE

  • Ammissione dei ricorrenti al Concorso Scuola Primaria e Infanzia

TIPOLOGIA DI RICORRENTE

Il bando di concorso dovrà essere impugnato  da tutti i docenti interessati ed in particolare da:

1) laureati in Scienze della formazione primaria con servizio insufficiente ma che raggiungono i due anni richiesti dal MIUR grazie al tirocinio ;

2) laureati in Scienze della formazione primaria che hanno superato precedenti concorsi, dimostrando dunque l’idoneità all’insegnamento;

3) diplomati magistrale con 24 mesi di servizio anche precedenti agli ultimi 8 anni (irragionevole discriminazione rispetto a coloro che hanno prestato servizio negli ultimi otto anni);

4) docenti che hanno svolto i 2 anni di servizio nelle scuole paritarie;

5) docenti in possesso di Diploma Magistrale con due anni di servizio svolto tra scuola paritaria e statale;

6) diplomati magistrale ante 2001 senza servizio;

7) specializzati su sostegno all’estero senza servizio;

8) specializzati su sostegno con o senza servizio che conseguano all’estero  il relativo titolo di specializzazione entro il 1° dicembre 2018.

TERMINE DI ADESIONE

Il termine ultimo di adesione al ricorso 31/01/2019

AUTORITÀ ADITA

Autorità giudiziaria amministrativa

Per ricevere qualsiasi tipo di informazione invia una mail all’indirizzo info@avvocatoleone.com o compila il nostro form “Raccontaci il tuo caso”.

Per informazioni immediate chiama 0917794561

Personale ATA: al via il ricorso per il riconoscimento del servizio...

personale ata
Molti USR hanno già emanato i bandi per i diversi profili ATA e tali bandi prevedono tutti il dimezzamento del punteggio per il servizio...

Mobilità e 104, vittoria per una nostra ricorrente: trasferita nella sede...

104
Accolto il ricorso di una docente palermitana, nostra ricorrente, a cui non era stata accettata la domanda di trasferimento. Assegnata a Lucca, in Toscana,...

Mobilità 2019, docenti dei licei musicali penalizzati nella precedenza territoriale

licei musicali
Gli insegnanti dei licei musicali subiscono una pesante disparità di trattamento nella Mobilità del personale docente, per il triennio 2019/2022. L’art. 5 del CCNI (mobilità...

Mobilità 2019/2020, pubblicate le ordinanze: al via il ricorso per i...

mobilità
Pubblicate in Gazzetta Ufficiali le ordinanze contenenti le informazioni relative alla mobilità del personale docente, educativo e del personale ATA per l’anno scolastico 2019/2020. Il personale...

Tfa Sostegno, il decreto esclude gli A066: ecco come partecipare

tfa sostegno
Il ministero dell’Istruzione ha confermato che il corso di specializzazione Tfa sul sostegno sarà riservato ad alcune categorie di docenti. Tale decreto, se da un lato include gli...
Francesco Leone
L’avv. Francesco Leone si è laureato presso la Facoltà di Giurispudenza di Palermo con una tesi in diritto costituzionale dal titolo “Le Forme di Governo e i Sistemi Elettorali”. Grazie alla guida del dominus Francesco Stallone, ha maturato esperienze come consulente per numerosi Enti Pubblici e Società Private con specifico riferimento alla predisposizione di bandi di gara, schemi di provvedimenti amministrativi e di contratti, interpretazione e applicazione della normativa regionale, nazionale e comunitaria. Superati immediatamente gli esami d’abilitazione, si iscrive all’Albo dell’Ordine degli Avvocati di Palermo. Da quel momento in poi, predispone e patrocina ricorsi singoli, e collettivi, presso la giurisdizione Amministrativa e Civile con particolare riferimento alle tematiche inerenti i Concorsi Pubblici, Esami di Stato, Esami d’Abilitazione, Urbanistica ed Edilizia, Contratti Pubblici/Appalti. Dal 2011 inizia a specializzarsi in Ricorsi Collettivi e Class Action aventi ad oggetto concorsi pubblici, procedure selettive e test d’ammissione e abilitazione. Nel 2013 crea un team di giovani professionisti che, coniugando ricerca scientifica e nuove tecnologie, si occupa con successo di tutti i grandi casi giurisprudenziali degli ultimi anni. Test d’ammissione a Medicina e Professioni Sanitarie, Esami d’abilitazione professionale, Concorsi nelle Forze dell’Ordine, Concorso dell’Agenzia delle Entrate, Selezioni CIAPI, Concorso “Roma Capitale”, Concorso MEF 2015, Piano Giovani e Garanzia Giovani (Youth Guarantee), Concorso Vigile del Fuoco, Accesso alle Scuole di Specializzazione Medica, Trasferimento in Italia da ateneo estero, Stabilizzazione precari e tutte le problematiche inerenti la Scuola rappresentano solo una parte delle attività professionali sino ad oggi svolte.