Home Ricorso Test Specializzazioni Mediche 2019

Ricorso Test Specializzazioni Mediche 2019

CONTESTO

Lo scorso 2 luglio si sono svolte le prove di ammissione alle SSM, le Scuole di Specializzazioni Mediche. Anche quest’anno sono state riscontrate diverse anomalie sia durante lo svolgimento delle prove che nella formulazione della graduatoria nazionale di merito.

Tali criticità che sono state evidenziate anche dal Consiglio di Stato, con pareri resi noti in sede Consultiva.

Tra le prime criticità evidenziate c’è senza dubbio quella di prevedere un’unica prova nazionale valida per tutte le Scuole e quindi non diversificata secondo gli ambiti di specializzazione. Sebbene la norma legislativa di riferimento (art. 36, comma 1, d.lg. n. 368 del 1999), di attuazione della normativa comunitaria, parla di prove di ammissione “per ogni singola tipologia”, seppur “con contenuti definiti a livello nazionale”. Detto ciò, il nuovo regolamento, che ha portato alla formulazione dell’ultimo bando di Concorso, non rispetterebbe dunque le direttive imposte dal D.Lgs. n. 368/1999.

Di conseguenza, anche la scelta della scuola da frequentare non può che avvenire dopo la pubblicazione della graduatoria.

Sul piano generale, la Sezione ha osservato che “la scelta di valorizzare, con una prova unica e uguale per tutti, la formazione di carattere generale teorico-pratica dei candidati e, parallelamente, di posticipare la scelta della tipologia di scuola dopo la pubblicazione della graduatoria, potrebbe non essere pienamente conforme alle finalità delle scuole di specializzazione in medicina e alle sottese esigenze della collettività”.

Oltre a quanto evidenziato dal Consiglio di Stato, il nostro studio legale ha preso in considerazione le tante segnalazioni dei candidati che hanno partecipato ai test di selezione.

Prima fra tutte la disposizione dei candidati all’interno delle aule. In molti casi, non sono stati previsti separatori e le postazioni fin troppo ravvicinate, nonché la disposizione in aule ad anfiteatro, avrebbero permesso la visione delle prove degli altri candidati.

Inoltre, sono stati registrati dei picchi di ricerche online, durante lo svolgimento della prova, su argomenti presenti nei test d’accesso. Questo avvalora quanto riscontrato in alcuni verbali, ovvero sulla presenza di smartphone in aula, utilizzati presumibilmente dai candidati per risolvere i quesiti del quiz.

TIPOLOGIA DI RICORRENTE

Tutti coloro che lo scorso 2 luglio hanno sostenuto il test d’ammissione alle Scuole di Specializzazioni Mediche.

AUTORITÀ ADITA

Tribunale amministrativo

 

TERMINE PER ADEIRE AL RICORSO

Le adesioni dovranno pervenire in studio entro il 1 settembre 2019.

TIPOLOGIA DI RICORSO E MODULISTICA

  • Collettivo: € 750,00

Un’azione legale con più ricorrenti strutturata a partire dalle irregolarità che colpiscono tutti i partecipanti al concorso

  • Individuale: € 2.000,00 + contributo unificato di € 650,00

Un ricorso “su misura” rispetto alla tua particolare situazione ed esigenze

Il nostro studio legale sta predisponendo un ricorso collettivo a cui possono aderire tutti coloro che hanno partecipato ai test di ammissione e contestano la scelta del Miur di aver predisposto un’unica prova identica per tutte le aree di specializzazione.

Oltre alla Class Action, il nostro studio legale ha predisposto anche due tipologie di ricorsi individuali.

Possono accedere al ricorso individuale di tipo 1 tutti coloro che sono stati penalizzati dalla scelta delle tre sedi di preferenza, in quanto il punteggio ottenuto non consente l’immatricolazione nelle sedi prescelte, ma risulta superiore a chi invece ha ottenuto l’immatricolazione in altra sede.

Ci sono state altresì segnalate diverse domande errate o fuorvianti all’interno del test. L’annullamento di tali quesiti comporterebbe una variazione del punteggio ottenuto e del relativo posto in graduatoria. Per questo motivo, chi ha risposto in maniera errata o non ha risposto ai quesiti errati o fuorvianti e ha un punteggio limite può aderire al ricorso individuale di tipo 2, in quanto la somma del punteggio relativo a queste domande potrebbe consentire al candidato di raggiungere un punteggio utile ai fini dell’immatricolazione

Per ricevere qualsiasi tipo di informazione invia una mail all’indirizzo info@leonefell.com o compila il nostro form “Raccontaci il tuo caso”.

Per informazioni immediate chiama 0917794561

Test di Medicina e l’aiuto da Google: anomalo flusso di ricerche...

L’uso di smartphone e altri dispositivi connessi a Internet durante i test d’accesso in Medicina è confermato dal volume di ricerche online proprio nelle...

Test di Medicina e violazione dell’anonimato: per i giudici “graduatoria illegittima”

“La conoscenza del codice identificativo abbinato a ciascun candidato prima della compilazione dei questionari con conseguente violazione del principio dell’anonimato e possibilità – almeno...

Medici in via d’estinzione: il trucco del Miur, fabbisogno calcolato contando...

Oltre tre mila posti in più all’anno per studiare Medicina e almeno 6mila borse di specializzazione in più. Sono questi i numeri calcolati dal...

Test di Medicina, se vi sono domande errate la selezione non...

mmg
Sembra impossibile, ma capita spesso che le domande presenti nei test d’accesso, così come nei concorsi pubblici in generale,  siano errate o fuorvianti. Un...

Test di Medicina, quiz copiati dagli eserciziari? Nostre vittorie e ammissione...

“Vietato copiare!” È questo l’ordine impartito dai vari docenti agli studenti di ogni ordine e grado, sin dalla più tenera età. Eppure la regola...
Francesco Leone
L’avv. Francesco Leone si è laureato presso la Facoltà di Giurispudenza di Palermo con una tesi in diritto costituzionale dal titolo “Le Forme di Governo e i Sistemi Elettorali”. Grazie alla guida del dominus Francesco Stallone, ha maturato esperienze come consulente per numerosi Enti Pubblici e Società Private con specifico riferimento alla predisposizione di bandi di gara, schemi di provvedimenti amministrativi e di contratti, interpretazione e applicazione della normativa regionale, nazionale e comunitaria. Superati immediatamente gli esami d’abilitazione, si iscrive all’Albo dell’Ordine degli Avvocati di Palermo. Da quel momento in poi, predispone e patrocina ricorsi singoli, e collettivi, presso la giurisdizione Amministrativa e Civile con particolare riferimento alle tematiche inerenti i Concorsi Pubblici, Esami di Stato, Esami d’Abilitazione, Urbanistica ed Edilizia, Contratti Pubblici/Appalti. Dal 2011 inizia a specializzarsi in Ricorsi Collettivi e Class Action aventi ad oggetto concorsi pubblici, procedure selettive e test d’ammissione e abilitazione. Nel 2013 crea un team di giovani professionisti che, coniugando ricerca scientifica e nuove tecnologie, si occupa con successo di tutti i grandi casi giurisprudenziali degli ultimi anni. Test d’ammissione a Medicina e Professioni Sanitarie, Esami d’abilitazione professionale, Concorsi nelle Forze dell’Ordine, Concorso dell’Agenzia delle Entrate, Selezioni CIAPI, Concorso “Roma Capitale”, Concorso MEF 2015, Piano Giovani e Garanzia Giovani (Youth Guarantee), Concorso Vigile del Fuoco, Accesso alle Scuole di Specializzazione Medica, Trasferimento in Italia da ateneo estero, Stabilizzazione precari e tutte le problematiche inerenti la Scuola rappresentano solo una parte delle attività professionali sino ad oggi svolte.