Home fisco e tributi La rottamazione in 10 punti: tutti i vantaggi della pace fiscale

La rottamazione in 10 punti: tutti i vantaggi della pace fiscale

rottamazioneIl Decreto Fiscale di cui abbiamo già parlato, è stato convertito in legge e rispetto alla sua prima edizione sono state apportate alcune modifiche che hanno reso più interessante lo schema della rottamazione. Ecco i 10 punti salienti per arrivare preparati all’appuntamento con la rottamazione ter.

  1. debiti rottamabili: sono quelli risultanti dai singoli carichi affidati agli agenti della riscossione del 1° gennaio 2000 al 31 dicembre 2017;
  2. estinzione del debito: con il pagamento degli importi dovuti a titolo di capitale, interessi e aggio di riscossione;
  3. sanzioni e interessi di mora: non andranno pagati;
  4. pagamento: in un’unica soluzione o in forma rateale. In questo secondo caso si può scegliere al massimo un piano da 18 rate, pagabili in 5 anni;
  5. giudizi tributari pendenti: se sono pendenti dei giudizi tributari in relazione a debiti rottamabili, il debitore che intende avvalersi della rottamazione deve dichiarare di voler rinunciare ai giudizi;
  6. definizione agevolata: entro il 30 aprile 2019 il debitore deve presentare la dichiarazione di “definizione agevolata” comunicando all’agente della riscossione la propria volontà di avvalersi della rottamazione;
  7. gli importi già versati per i debiti inseriti nella dichiarazione di rottamazione restano definitivamente acquisiti e non sono rimborsabili;
  8. il debito non è inadempiente: a seguito della presentazione della dichiarazione non possono essere iscritti nuovi fermi o ipoteche; non possono essere avviate nuove procedure esecutive; non possono essere proseguite le procedure precedentemente avviate; il debitore non è considerato inadempiente; al debitore viene rilasciato il DURC;
  9. dichiarazione di definizione: una volta presentata la dichiarazione di definizione, entro il 30 giugno 2019, l’agente della riscossione comunica ai debitori che hanno presentato la dichiarazione l’ammontare complessivo delle somme dovute;
  10. pagamento: il pagamento delle somme dovute potrà avvenire alternativamente mediante domiciliazione sul conto corrente, mediante bollettini precompilati o presso gli sportelli dell’agente della riscossione.

Chiunque fosse interessato ad effettuare un controllo della propria posizione debitoria può contattare il nostro studio legale inviando una e-mail all’indirizzo info@leonefell.com.

Per non perderti tutti gli aggiornamenti iscriviti al nostro gruppo facebook Rottamazione chiedi all’esperto

newsletter

Vuoi ricevere le notizie direttamente nella tua mail? Clicca qui e iscriviti alla newsletter

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here


8 + 4 =