Home Scuola Scuola, quota 96: approvato emendamento per la pensione anticipata

Scuola, quota 96: approvato emendamento per la pensione anticipata

aaaaforneroCauto ottimismo per la vicenda, abbastanza singolare, dei quota 96. Lo scorso mese vi avevamo fornito le ultime notizie (clicca qui per l’articolo), a dir vero poco rassicuranti. Adesso, però, un timido spiraglio sembra aprirsi. E’ stato infatti approvato in Commissione Lavoro alla Camera dei deputati l’articolo 1 del disegno di legge unificato sulla settima salvaguardia con una modifica proposta dalla deputata Ciprini del M5S (emendamento 1.1) che consentirà a 2.500 lavoratori, tra professori e personale amministrativo della scuola, che hanno maturato la quota 96(cioè i 60 anni e 36 di contributi oppure 61 anni e 35 di contributi) entro la fine dell’anno scolastico 2011/2012 di andare in pensione in deroga alla normativa Fornero. Dunque, a partire dal 1° settembre 2016. L’emendamento stanzia per il pensionamento anticipato una spesa nel limite di 22,5 milioni per il 2016, di 58,8 milioni per il 2017 di 50,7 milioni di euro per l’anno 2018. Il disegno di legge prevede che entro quindici giorni dalla data di entrata in vigore del provvedimento, i lavoratori che intendono avvalersi del beneficio presentino apposita domanda telematica all’Inps. L’istituto provvederà al monitoraggio delle domande presentate, definendo un elenco numerico delle stesse basato su un criterio progressivo, risultante dalla somma dell’età anagrafica e dell’anzianità contributiva possedute dai singoli richiedenti alla data del 31 dicembre 2012. Qualora dal monitoraggio risulti il raggiungimento del limite numerico delle domande di pensione, l’INPS non prenderà in esame ulteriori domande di pensionamento.

La buonuscita sarà invece corrisposta, nei termini e secondo le modalità stabiliti a legislazione vigente, che in buona sostanza non consente ai lavoratori di beneficiare di un anticipo del pagamento della liquidazione.

Vi terremo aggiornati sugli sviluppi della vicenda. Per qualsiasi segnalazione, scrivi a “Raccontaci il tuo caso”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here


4 + 4 =