Home diritto penale Gli schiaffi della maestra educano? No: è maltrattamento

Gli schiaffi della maestra educano? No: è maltrattamento

maestra_di_bart_muore_vocePuò tollerarsi la violenza della maestra a scopi educativi? Certamente no. Ma al di là di questo punto fermo, però, spesso si pone il problema di distinguere fra il reato di abuso di mezzi di correzione o disciplina di cui all’art. 571 c.p. e il più grave delitto previsto dall’art. 572 c.p., che punisce i maltrattamenti esercitati su una persona affidata per ragioni di educazione, istruzione, cura, vigilanza o custodia .

Com’è noto, superata ormai da tempo la  tesi secondo la quale il criterio discretivo andrebbe individuato nella misura della violenza, la giurisprudenza più recente è ferma nel ritenere che il delitto di abuso dei mezzi di correzione e disciplina presuppone un uso consentito e legittimo dei mezzi educativi, che, senza attingere a forme di violenza, trasmodi in abuso a causa dell’eccesso, arbitrarietà o intempestività della misura.

ZJT27F886052-kVSG-U10602322460935Z0E-700x394@LaStampa.itOve, invece, la persona offesa sia vittima di continui episodi di prevaricazione e violenza, tali da rendere intollerabili le condizioni di vita, ricorre il più grave reato di maltrattamenti in famiglia (Cfr., di recente, Cass. 47543/2015).  Quest’indirizzo è stato di recente confermato dalla VI Sezione penale della Corte di Cassazione (sent. 4170/2016), che ha  riformato la sentenza della Corte di Appello di  Brescia riaffermando che l’uso della violenza  come ordinario trattamento del minore  – anche se sostenuto da « animus corrigendi » – «non può rientrare nell’ambito della fattispecie di abuso dei mezzi di correzione, ma concretizza gli estremi del più grave reato di maltrattamenti»

Articolo a cura dell’Avv. Andrea Merlo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here


5 + 5 =