Home Senza categoria Concorso per Medicina generale. Irregolarità e disguidi in molte sedi

Concorso per Medicina generale. Irregolarità e disguidi in molte sedi

test medicina generaleDal Lazio alla Sicilia, passando anche per le Marche. Le segnalazioni di irregolarità ai concorsi per accedere al corso di formazione specialistica in Medicina generale si espandono a macchia d’olio e coinvolgono più sedi d’esame in cui si sono svolti i test d’ammissione.

Alla luce delle segnalazioni pervenute al nostro studio, stiamo valutando la possibilità di proporre ricorso e permettere ai giovani medici, penalizzati da tali irregolarità ai test, di proseguire gli studi e di intraprendere il percorso di formazione specialistica in medicina generale.

Concorso per Medicina generale. Le irregolarità segnalate

Tante le anomalie finora segnalate, tra cui la mancanza di vigilanza da parte dei commissari durante lo svolgimento dei teste dovuta anche alla mancanza di spazio sufficiente tra un candidato e l’altro. Dalle segnalazioni pare che molti candidati abbiano potuto scegliere dove sedersi e che, proprio per l’inadeguatezza delle aule scelte in base al numero dei partecipanti, siano stati “ammassati” permettendo di fatto lo svolgimento di gruppo del test. La riconsegna del compito poi sarebbe avvenuta in fila alla cattedra permettendo un ulteriore confronto sulle risposte non ancora segnate.

Secondo alcuni concorrenti, la busta delle risposte sarebbe stata inserita nella medesima busta contenente i dati anagrafici, fatto questo che non garantirebbe l’anonimato prescritto dal regolamento.

I cellulari non sarebbero stati ritirati e sarebbero stati utilizzati anche durante lo svolgimento della prova per cercare le risposte ai quiz. In alcuni casi, nonostante la presenza dei cellulari fosse vietata, alcuni concorrenti avrebbero utilizzato gli smartwacth per le ricerche online.

Sempre secondo le segnalazioni dei candidati, in alcune aule sarebbe stato vietato di cambiare la risposta segnata in precedenza sulla griglia, in altre aule invece sarebbe stata concessa tale possibilità con la relativa consegna di un nuovo plico al candidato.

Durante lo svolgimento della prova, inoltre, ad alcuni candidati sarebbe stato consentito di allontanarsi dall’aula. Molte di queste irregolarità, sono state segnalate ai carabinieri, intervenuti proprio durante lo svolgimento della selezione, e sono state messe a verbale.

In altre sedi, alcuni candidati avrebbero denunciato l’aiuto offerto dalla commissione a qualche partecipante al concorso a cui sarebbero addirittura state date le risposte ai quiz.

Altre irregolarità riguardano invece la graduatoria. C’è chi infatti ha lamentato che, a parità di punteggio, venisse data priorità a chi aveva conseguito la laurea più a ridosso del concorso stesso, penalizzando di fatto i laureati dell’anno precedente che però non avevano ancora avuto la possibilità di partecipare a nessun concorso.

Non solo, i più smanettoni avrebbero notato anche che poche ore prima del test, ci sarebbe stato un boom di ricerche su internet circa contenuti specifici, poi presenti nelle domande del concorso.

Se anche voi siete stati testimoni di un’irregolarità, segnalatela compilando il form Raccontaci il tuo caso o inviate una mail a info@avvcatoleone.com

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here


4 + 9 =