Home Concorso 1650 Agenti di Polizia – Ricorso avverso il limite d’età

Concorso 1650 Agenti di Polizia – Ricorso avverso il limite d’età

RICORSO

Nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica – 4ª serie speciale, concorsi ed esami del 31 gennaio 2020 è stato pubblicato un concorso per esami, aperto ai civili, per l’assunzione di 1650 allievi Agenti della Polizia Di Stato.
.
Tra i requisiti previsti c’è anche il limite d’età: il bando prevede infatti il non superamento del 26esimo anno di età, limite abbassato (da 30 a 26 anni non compiuti) per l’adozione del decreto ministeriale n. 103 del 13.7.18. Inoltre, vi è disparità trattamento tra chi ha svolto il servizio militare e chi no: è infatti previsto un’innalzamento del limite dei 26 anni per un massimo di tre anni in relazione al periodo di servizio militare effettivamente prestato.
.
In altri termini, solo per taluni soggetti, l’accesso al ruolo è consentito sino al 29esimo anno di età non compiuto.
.
Le clausole succitate possono essere contestate perché illegittime e irragionevoli, pertanto, possono aderire tutti coloro i quali, a prescindere dal fatto che abbiano prestato o meno il servizio militare, non sono ammessi a partecipare al concorso e non abbiamo compiuto il 30esimo anno di età.

TIPOLOGIA DI RICORRENTE

Possono aderire al ricorso tutti i soggetti esclusi in ragione dei limiti di età previsti dal bando che non abbiano compiuto il 30esimo anno di età.

In base all’età effettiva, divideremo i ricorrenti in due tipologie differenti, meglio specificati di sotto. Pertanto, sarà cura dello studio legale, dividere i ricorrenti all’interno dei due ricorsi collettivi.

Ricorso n. 1 – LIMITE D'ETÀ

Con questo ricorso contestiamo l’abbassamento del limite d’età per la partecipazione ai concorsi di Polizia, da 30 a 26. Inseriremo in questo ricorso tutti coloro che hanno 30 anni non compiuti.

Ricorso n. 2 – SERVIZIO MILITARE + LIMITE di ETA'

Con questo ricorso contestiamo, in primis, la disparità di trattamento tra chi ha effettuato il servizio militare e chi no. In secondo luogo, come nel ricorso numero 1, contesteremo anche l’abbassamento del limite di età dai 30 ai 26 anni. Pertanto, in questo secondo ricorso, inseriremo tutti coloro che hanno 29 anni non compiuti.

VITTORIE

Il nostro studio legale ha già ottenuto numerose vittorie in procedimenti simili, consentendo ai propri ricorrenti la partecipazione ai bandi di concorso che prevedevano limiti d’età differenti per contingente.
.

AUTORITÀ ADITA

Tribunale amministrativo

TERMINE DI ADESIONE

6 aprile 2020

TIPOLOGIA DI RICORSO E MODULISTICA

  • Collettivo: € 200,00
    Un’azione legale con più ricorrenti strutturata a partire dalle irregolarità che colpiscono tutti i partecipanti al concorso. L’importo sarà mantenuto tale al raggiungimento di almeno 10 ricorrenti per ciascuna tipologia di ricorso.
  • Collettivo:  € 100,00 per i nostri clienti
    Per coloro i quali hanno già proposto delle azioni legali con il nostro staff è previsto un costo del ricorso agevolato che rimarrà tale al raggiungimento di almeno 10 adesioni per tipologia di ricorso.

Per ricevere qualsiasi tipo di informazione invia una mail all’indirizzo info@leonefell.com o compila il nostro form “Raccontaci il tuo caso”.

Per informazioni immediate chiama 0917794561

Note caratteristiche: è possibile impugnare l’abbassamento del giudizio

nota caratteristiche
È possibile impugnare l’abbassamento del giudizio delle note caratteristiche se non è presente un'adeguata motivazione. A stabilirlo una sentenza del Consiglio di Stato che...

Mibac: prorogati al 15 aprile i termini di adesione al ricorso

mibac
Caro Lettore, in questo periodo particolarmente difficile, il nostro Studio legale ha deciso di fare la propria parte offrendo un servizio gratuito ai cittadini:...

Concorso all’Università Parthenope, domande errate nel quiz: nostra vittoria al Tar!

Era stato escluso dalla graduatoria degli ammessi all'orale del concorso pubblico, per esami, per la copertura di n. 5 posti di categoria B, Area...

Selezione per 110 operatori giudiziari – Campania: istanza d’accesso per le...

Procedure poco trasparenti hanno caratterizzato la selezione per l’assunzione, mediante avviamento degli iscritti nelle liste di cui all'art. 16, legge n. 56/1987, di 110...

Illegittimità al concorso per 2445 OSS indetto dall’A.O. di Foggia

Pochi giorni fa è stata pubblicata la graduatoria finale del concorso unico regionale per 2445 operatori socio sanitari (OSS) indetto dall’Azienda Ospedaliera “Ospedali Riuniti”...
Francesco Leone
L’avv. Francesco Leone si è laureato presso la Facoltà di Giurispudenza di Palermo con una tesi in diritto costituzionale dal titolo “Le Forme di Governo e i Sistemi Elettorali”. Grazie alla guida del dominus Francesco Stallone, ha maturato esperienze come consulente per numerosi Enti Pubblici e Società Private con specifico riferimento alla predisposizione di bandi di gara, schemi di provvedimenti amministrativi e di contratti, interpretazione e applicazione della normativa regionale, nazionale e comunitaria. Superati immediatamente gli esami d’abilitazione, si iscrive all’Albo dell’Ordine degli Avvocati di Palermo. Da quel momento in poi, predispone e patrocina ricorsi singoli, e collettivi, presso la giurisdizione Amministrativa e Civile con particolare riferimento alle tematiche inerenti i Concorsi Pubblici, Esami di Stato, Esami d’Abilitazione, Urbanistica ed Edilizia, Contratti Pubblici/Appalti. Dal 2011 inizia a specializzarsi in Ricorsi Collettivi e Class Action aventi ad oggetto concorsi pubblici, procedure selettive e test d’ammissione e abilitazione. Nel 2013 crea un team di giovani professionisti che, coniugando ricerca scientifica e nuove tecnologie, si occupa con successo di tutti i grandi casi giurisprudenziali degli ultimi anni. Test d’ammissione a Medicina e Professioni Sanitarie, Esami d’abilitazione professionale, Concorsi nelle Forze dell’Ordine, Concorso dell’Agenzia delle Entrate, Selezioni CIAPI, Concorso “Roma Capitale”, Concorso MEF 2015, Piano Giovani e Garanzia Giovani (Youth Guarantee), Concorso Vigile del Fuoco, Accesso alle Scuole di Specializzazione Medica, Trasferimento in Italia da ateneo estero, Stabilizzazione precari e tutte le problematiche inerenti la Scuola rappresentano solo una parte delle attività professionali sino ad oggi svolte.