Home Riconoscimento titolo abilitativo in Romania - Giudice del lavoro

Riconoscimento titolo abilitativo in Romania – Giudice del lavoro

riconoscimento titolo abilitativo in romania

Dopo le pronunce positive del Tar Lazio e del Consiglio di Stato, anche la giurisdizione ordinaria ha statuito il riconoscimento del titolo abilitativo in Romania. Il giudice del Lavoro di Nocera inferiore ha già accolto un ricorso cautelare obbligando il Miur al riconoscimento del titolo abilitativo conseguito in Romania, oltre al reinserimento del docente nella II fascia delle graduatorie d’istituto.

Qualora non vi sia già un procedimento in corso presso il Tar, è dunque possibile ricorrere direttamente al Giudice del lavoro per impugnare le istanze di rigetto.

TIPOLOGIA DI RICORRENTE

Possono aderire tutti i docenti che hanno ricevuto il rigetto dell’istanza di riconoscimento dell’abilitazione in Romania

TERMINE DI ADESIONE

31 luglio 2020

Per ricevere qualsiasi tipo di informazione invia una mail all’indirizzo [email protected] o compila il nostro form “Raccontaci il tuo caso”.

Per informazioni immediate chiama 0917794561

Scuola, 90mila posti: concorso o stabilizzazione precari?

Scuola_Concorso
Circa 90mila cattedre da coprire nel più breve tempo possibile. Sono questi i numeri del comparto scuola che destano non poca preoccupazione. Si tratta...

Concorso ordinario scuola: quali prospettive?

concorso ordinario scuola
Grande fermento nel mondo della scuola: tante le ipotesi in ballo per la stabilizzazione dei precari. Tra e più accreditate dal Ministero, l'indizione di...

Spagna, Specializzazione sul sostegno: Acreditation non necessaria

acreditation
Per poter esercitare in Italia, i docenti specializzati sul sostegno in Spagna devono ottenere il riconoscimento del titolo. Ad affermarlo è il Tar Lazio...

Concorso straordinario scuola, partecipa al webinar e scarica il nuovo manuale

webinar
Sono state pubblicate le nuove date delle prove ancora da espletare del concorso straordinario per la scuola secondaria di primo e secondo grado, che...