Home Ricorso rimborso rivalutazione pensioni

Ricorso rimborso rivalutazione pensioni

630
0

RICORSO

Ricorso rimborso rivalutazione pensioni

TIPOLOGIA DI RICORRENTE

Possono aderire all’ azione tutti i pensionati con pensione lorda superiore a sei volte il minimo che hanno subito il blocco della rivalutazione delle pensioni per gli anni 2012, 2013, 2014 e 2015 in virtù di quanto previsto dal D.L. n. 201 del 6 dicembre 2011 e dal D.L. n. 65 del 21 maggio 2015.

Tali sono i pensionati che percepiscono una pensione complessivamente superiore ad €. 2.810,10 lorde, poiché quelli che non superano detto importo non subiscono alcun pregiudizio dalla predetta normativa.

 

OBIETTIVO DA RAGGIUNGERE

Riconoscimento del diritto a percepire l’intero importo di arretrati dato dal blocco della rivalutazione delle proprie pensioni, così come stabilito dalla sentenza della Corte Costituzionale n.70/2015

GIURISPRUDENZA

  • La Corte costituzionale, con sentenza n. 70 del 30 aprile 2015 ha dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’art. 24, comma 25, del decreto legge 6 dicembre 2011, n. 201, riconoscendo il diritto dei pensionati a una prestazione previdenziale adeguata e rivalutata per conservare il potere di acquisto delle somme percepite.
  • A seguito della Sentenza della Corte Costituzionale, tuttavia, è intervenuto il Decreto n. 65 del 21 maggio 2015 che ha stabilito la restituzione solo parziale delle somme in questione e sul quale è stata sollevata nuova questione di legittimità, su cui la Corte deve ancora pronunciarsi.
  • Conseguentemente, molti Tribunali di Italia hanno sollevato nuovamente la questione di legittimità costituzionale, lamentando, tra le altre cose, la violazione del Giudicato costituzionale.
  • Il Giudizio di Legittimità costituzionale è ancora pendente.

AUTORITÀ ADITA

Corti dei Conti delle regioni di residenza dei pensionati ex dipendenti del settore pubblico o presso i Tribunali (giudice del lavoro) della provincia di residenza per i pensionati ex del settore privato.

NORMATIVA

  • Circolare INPS n. 125 del 25/06/2015

TIPOLOGIA DI RICORSO E MODULISTICA

Il ricorso sarà normalmente individuale. Al raggiungimento di n. 10 ricorrenti aventi omogeneità di situazioni e provvedimenti impugnati, si potrà presentare anche ricorso collettivo.

Sarà possibile proporre un’azione legale trascorsi 120 giorni dall’invio della diffida stragiudiziale

Per ricevere qualsiasi tipo di informazione invia una mail all’indirizzo info@avvocatoleone.com o compila il nostro form “Raccontaci il tuo caso”.

Per informazioni immediate chiama 0917794561

Vittoria per i nostri ricorrenti: riconosciuto il periodo di lavoro presso...

servizio pre-ruolo
Avevano prestato servizio come docenti nella scuola paritaria rispettivamente per 11 e 14 anni, ma tale periodo non era stato loro riconosciuto. Per tale ragione avevano...

Concorso docenti e personale ATA da destinare all’estero: al via il...

abilitazione in Spagna
Il Miur, con Decreto n. 2021 pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 2 del 08/01/2019, ha emanato il bando di selezione di docenti e personale...

MMG, irregolarità al concorso: ecco cosa è successo a Palermo

mmg
Non ci sarebbe solo la presenza di domande errate nel test a inficiare la prova d’accesso per la scuola di specializzazione in Medicina Generale MMG 2018. Tra...

Differenze retributive nel rapporto di lavoro: cosa sono e come richiederle

differenze retributive
Capita sempre più spesso che ai lavoratori subordinati, e non, non venga corrisposto dal datore di lavoro quanto dovuto, ovvero che il datore non...

Mobilità e 104, vittoria per una nostra ricorrente trasferita nella sede...

104
Accolto il ricorso di una docente palermitana, nostra ricorrente, a cui non era stata accettata la domanda di trasferimento. Assegnata a Lucca, in Toscana,...
Francesco Leone
L’avv. Francesco Leone si è laureato presso la Facoltà di Giurispudenza di Palermo con una tesi in diritto costituzionale dal titolo “Le Forme di Governo e i Sistemi Elettorali”. Grazie alla guida del dominus Francesco Stallone, ha maturato esperienze come consulente per numerosi Enti Pubblici e Società Private con specifico riferimento alla predisposizione di bandi di gara, schemi di provvedimenti amministrativi e di contratti, interpretazione e applicazione della normativa regionale, nazionale e comunitaria. Superati immediatamente gli esami d’abilitazione, si iscrive all’Albo dell’Ordine degli Avvocati di Palermo. Da quel momento in poi, predispone e patrocina ricorsi singoli, e collettivi, presso la giurisdizione Amministrativa e Civile con particolare riferimento alle tematiche inerenti i Concorsi Pubblici, Esami di Stato, Esami d’Abilitazione, Urbanistica ed Edilizia, Contratti Pubblici/Appalti. Dal 2011 inizia a specializzarsi in Ricorsi Collettivi e Class Action aventi ad oggetto concorsi pubblici, procedure selettive e test d’ammissione e abilitazione. Nel 2013 crea un team di giovani professionisti che, coniugando ricerca scientifica e nuove tecnologie, si occupa con successo di tutti i grandi casi giurisprudenziali degli ultimi anni. Test d’ammissione a Medicina e Professioni Sanitarie, Esami d’abilitazione professionale, Concorsi nelle Forze dell’Ordine, Concorso dell’Agenzia delle Entrate, Selezioni CIAPI, Concorso “Roma Capitale”, Concorso MEF 2015, Piano Giovani e Garanzia Giovani (Youth Guarantee), Concorso Vigile del Fuoco, Accesso alle Scuole di Specializzazione Medica, Trasferimento in Italia da ateneo estero, Stabilizzazione precari e tutte le problematiche inerenti la Scuola rappresentano solo una parte delle attività professionali sino ad oggi svolte.