Home Concorsi Ricorso Sant’Andrea (258 infermieri) domande errate o fuorvianti: prorogati i termini...

Ricorso Sant’Andrea (258 infermieri) domande errate o fuorvianti: prorogati i termini del ricorso

Viste le numerose richieste, abbiamo deciso di prorogare al 9 settembre i termini per aderire al ricorso per domande errate o fuorvianti al concorso per 258 infermieri presso l’azienda ospedaliera Sant’Andrea di Roma.

Le domande che contestiamo con il ricorso sono le seguenti:

  1. Nella procedura “assistenza alla deambulazione di un paziente non autosufficiente con l’ausilio di un bastone“ che tipo di razionale possiamo trovare?
    A. sicurezza del paziente e comfort;
    B. sicurezza del paziente e riduzione dei livelli di ansia;
    C. sicurezza del paziente, riduzione del rischio infettivo, comfort;
  2. Per praticare correttamente una rachicentesi, bisogna che il paziente:”. 
    A. assuma il decubito prono;
    B.assuma il decubito laterale, con arti inferiori flessi e testa piegata verso il torace;
    C. assuma la posizione seduta, flettendo il busto sulle ginocchia.

L’annullamento di tali domande comporterà una variazione del punteggio ottenuto alla prova. Coloro che contestando le domande di seguito riportate, avranno un incremento del punteggio pari o superiore a 14/20 potranno partecipare al ricorso per contestare le domande errate/fuorvianti.

Anche al concorso per 20 infermieri al Cardarelli erano state segnalate domande errate che hanno falsato il risultato dell’intera selezione. Errori confermati anche dal Tar Campania che ha dato ragione a circa 40 candidati che, assistiti dagli avvocati Francesco Leone, Simona Fell, Ciro Catalano, avevano presentato ricorso e che, ora, potranno riprendere da dove avevano interrotto, ovvero con le prove orali.

Leggi: Il Tar boccia il Cardarelli e dà ragione ai ricorrenti, confermate le domande errate nel test

Per maggiori informazioni e per aderire al ricorso clicca qui

newsletter

Vuoi ricevere le notizie direttamente nella tua mail? Clicca qui e iscriviti alla newsletter

Francesco Leone
L’avv. Francesco Leone si è laureato presso la Facoltà di Giurispudenza di Palermo con una tesi in diritto costituzionale dal titolo “Le Forme di Governo e i Sistemi Elettorali”. Grazie alla guida del dominus Francesco Stallone, ha maturato esperienze come consulente per numerosi Enti Pubblici e Società Private con specifico riferimento alla predisposizione di bandi di gara, schemi di provvedimenti amministrativi e di contratti, interpretazione e applicazione della normativa regionale, nazionale e comunitaria. Superati immediatamente gli esami d’abilitazione, si iscrive all’Albo dell’Ordine degli Avvocati di Palermo. Da quel momento in poi, predispone e patrocina ricorsi singoli, e collettivi, presso la giurisdizione Amministrativa e Civile con particolare riferimento alle tematiche inerenti i Concorsi Pubblici, Esami di Stato, Esami d’Abilitazione, Urbanistica ed Edilizia, Contratti Pubblici/Appalti. Dal 2011 inizia a specializzarsi in Ricorsi Collettivi e Class Action aventi ad oggetto concorsi pubblici, procedure selettive e test d’ammissione e abilitazione. Nel 2013 crea un team di giovani professionisti che, coniugando ricerca scientifica e nuove tecnologie, si occupa con successo di tutti i grandi casi giurisprudenziali degli ultimi anni. Test d’ammissione a Medicina e Professioni Sanitarie, Esami d’abilitazione professionale, Concorsi nelle Forze dell’Ordine, Concorso dell’Agenzia delle Entrate, Selezioni CIAPI, Concorso “Roma Capitale”, Concorso MEF 2015, Piano Giovani e Garanzia Giovani (Youth Guarantee), Concorso Vigile del Fuoco, Accesso alle Scuole di Specializzazione Medica, Trasferimento in Italia da ateneo estero, Stabilizzazione precari e tutte le problematiche inerenti la Scuola rappresentano solo una parte delle attività professionali sino ad oggi svolte.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here


2 + 8 =