Home Specializzazioni Mediche SSM 2020, 200 specializzandi in Medicina generale ammessi al test d’accesso

SSM 2020, 200 specializzandi in Medicina generale ammessi al test d’accesso

ssm 2020Non avevano potuto fare domanda di ammissione al test d’accesso alle Specializzazioni mediche – SSM 2020 in quanto già iscritti al corso di formazione specifica in Medicina generale. In oltre 100 si rivolgono allo nostro Studio legale per avviare un’azione che consentisse loro la partecipazione ai test senza previa dimissione. I giudici del Tar Lazio hanno accolto le istanze dei legali e ammesso i medici alle prove d’ingresso per accedere alle Specializzazioni mediche che si terranno il prossimo 22 settembre. Accolti anche i ricorsi per altri 100 candidati appartenenti a diverse categorie di medici alle quali il sistema di iscrizione online non consentiva di inserire i titoli e di ottenere un punteggio aggiuntivo.

La clausola, voluta espressamente dal Ministro Manfredi, e contenuta nell’art. 4 comma 1 del Decreto n. 1177 del 24.07/2020 impediva ai medici iscritti ai corsi di formazione specifica in Medicina generale di iscriversi e dunque di partecipare al concorso per le Scuole di Specializzazione di area sanitaria prima di aver concluso il proprio corso di formazione, fatta salva la possibilità di rinunciarvi, interrompendolo.

Ritenendo tale clausola un’illegittimità lesiva del diritto allo studio, lo staff legale ha impugnato il bando, nella parte in cui si vietava ai medici iscritti ai corsi di formazione specifica in Medicina generale la partecipazione al concorso. Oggi, il Tar Lazio ha accolto l’istanza e ammesso 200 ricorrenti alla partecipazione, senza alcuna rinuncia preventiva al corso di studi già intrapreso.

“La clausola prevista dal Mur – precisano i legali Francesco Leone, Simona Fell e Floriana Barbata – avrebbe impedito la partecipazione al concorso a migliaia di giovani medici, finendo per acuire un problema già noto, rappresentato dalla grave carenza di medici specializzati, specie in ragione del perdurare dello stato di emergenza sanitaria che il nostro Paese si trova ad attraversare. Per l’ennesima volta ci siamo trovati a dover contrastare le scelte scellerate del Ministero che, invece di ampliare la platea di giovani futuri specialisti, avrebbe solo limitato l’accesso ai corsi di specializzazione. Non potevamo permetterci – continuano i legali – di far pagare le conseguenze di tali scelte a tanti giovani medici preparati che, rinunciando al proprio percorso di formazione già intrapreso, si sarebbero trovati in un limbo, e con il risultato di ulteriori posti e relative borse perse. Siamo lieti che i giudici del Tar abbiano compreso le nostre ragioni e accolto i nostri ricorsi”.

Con questa ennesima vittoria, il Tar conferma il suo orientamento, consentendo ai medici corsisti in Medicina generale di partecipare ai test per le specializzazioni mediche.

L’altra battaglia vinta riguarda l’attribuzione dei punteggi. I candidati già in possesso di un diploma di scuola di specializzazione universitaria di area sanitaria, di diploma di formazione specifica per Medicina generale, già titolari di un contratto di formazione medica o dipendente medico chirurgo di strutture del Servizio sanitario nazionale o di strutture private accreditate non avevano potuto, in fase di iscrizione ai test di accesso alle Specializzazioni mediche, compilare il modulo di domanda telematica presente sul portale Universitaly.it, nella parte in cui chiedeva il possesso di eventuali punteggi aggiuntivi relativi ai titoli posseduti. Anche in questo caso, i giudici del Tar Lazio hanno accolto i ricorsi e disposto il riconoscimento del punteggio aggiuntivo in base ai titoli posseduti dai ricorrenti.

Alla luce delle vittorie ottenute, chi ancora non ha presentato ricorso può farlo entro e non oltre mercoledì 16 settembre. Per aderire clicca qui e scarica i moduli

Per comunicazioni con il nostro staff legale invia una mail a info@leonefell.com

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here


2 + 4 =