Home medici specializzati Test di Medicina e violazione dell’anonimato: per i giudici “graduatoria illegittima”

Test di Medicina e violazione dell’anonimato: per i giudici “graduatoria illegittima”

La conoscenza del codice identificativo abbinato a ciascun candidato prima della compilazione dei questionari con conseguente violazione del principio dell’anonimato e possibilità – almeno in astratto – dell’alterazione della prova”.

medicina generale 2017Con questa motivazione il giudice del Tar del Lazio ha disposto l’immatricolazione in soprannumero di molti aspiranti camici bianchi, nostri ricorrenti, che, durante lo svolgimento del test d’ingresso, hanno subito una illegittimità, ovvero la violazione dell’anonimato. E negli anni, tale violazione si è perpetrata, seppur con formule diverse. Il rispetto di tale principio risponde all’esigenza di salvaguardare la segretezza degli autori delle prove scritte fino a quando la correzione non sia stata ultimata al fine di garantire la parità di trattamento tra i candidati e una valutazione obiettiva dei loro elaborati.

Quando avviene la violazione dell’anonimato?

Negli anni passati è capitato in più occasioni che:
– i candidati siano stati invitati a lasciare sul banco il proprio documento di identità durante tutto lo svolgimento del test o a indossare un adesivo che in qualche modo li rendesse riconoscibili;
– i candidati siano stati invitati a lasciare sul banco l’adesivo con il proprio codice identificativo;
le prove svolte non siano state imbustate in modo corretto o la compilazione del foglio anagrafe non sia avvenuta in modo corretto (ad esempio imbustate insieme, con l’adesivo recante i propri dati direttamente sul foglio delle risposte, ecc.).

I giudici del Tar hanno affermato che la violazione non irrilevante dell’anonimato in tali procedure selettive «comporta l’invalidità della graduatoria, senza necessità di accertare in concreto la lesione del principio di imparzialità in sede di correzione», senza cioè verificare che la violazione abbia recato danno ai singoli ricorrenti.

Un’altra violazione dell’anonimato si può verificare nel momento in cui sul modulo risposte del candidato sia apposto un codice plico prestampato (alfanumerico composto da 9 elementi fra numeri e cifre) e un codice alfanumerico (c.d. “Etichetta MIUR”) applicato dal candidato, prima della consegna dell’elaborato.

I due codici svolgono funzioni differenti:
– il primo, quello denominato “codice plico”, già stampigliato sui modelli forniti ai candidati per lo svolgimento della prova, ha la funzione di abbinare il questionario al modulo risposte, in modo da consentire la correzione dell’elaborato, ma in realtà per svolgere tale funzione basterebbe il solo codice a barre senza l’aggiunzione di un ulteriore codice alfanumerico sottostante;
– il secondo, quello denominato “etichetta MIUR”, dovrebbe apposto al termine della prova, rispettivamente sulla scheda risposte e sulla scheda anagrafica e ha la funzione di ricondurre l’elaborato all’identità del candidato.

Secondo la Giustizia amministrativa, “la presenza di un codice a barre, accompagnato dal codice di lettura alfanumerico pure prestampato su tutti gli atti della prova (scheda anagrafica, modulo risposte, questionario), rende in astratto possibile l’identificabilità dell’autore della prova, anche dopo la conclusione della prova medesima, persino nel momento successivo delle operazioni di esame e valutazione dei questionari“.

Vuoi prepararti per affrontare al meglio i test d’ingresso in Medicina e Odontoiatria?

Il nostro Studio legale ha un regalo per te: il nuovo e aggiornato Manuale di sopravvivenza! Una guida ricca di consigli pratici per prepararsi, anche fisicamente e psicologicamente, a quella che per molti studenti può essere considerata una delle prove più importanti del proprio percorso di studi, quella che inevitabilmente segnerà, nel bene e nel male, il prosieguo del proprio futuro.

Compila il nostro form e ricevi gratuitamente il Manuale di sopravvivenza!

Grazie al lavoro svolto dal nostro Studio legale, oltre 3mila gli studenti sono entrati a Medicina dal 2013 a oggi. Anni di battaglie vinte contro un sistema che non solo lede il diritto allo studio, ma che ha sta portando al collasso il Sistema sanitario nazionale con una lenta agonia. Da anni infatti denunciamo un errato calcolo del fabbisogno e di posti messi a bando. Clicca qui per saperne di più

Per comunicazioni con il nostro staff legale invia una mail a info@leonefell.com

>>> Hai partecipato ai test?

Se hai notato irregolarità o anomalie, segnalale compilando il form che troverai cliccando qui. Il nostro Studio legale sta valutando tutte le segnalazioni pervenute al fine di proporre un Ricorso Test Medicina 2019 e tutelare tutti i candidati che risulteranno penalizzati da tale procedura.

newsletter

Vuoi ricevere le notizie direttamente nella tua mail? Clicca qui e iscriviti alla newsletter

Francesco Leone
L’avv. Francesco Leone si è laureato presso la Facoltà di Giurispudenza di Palermo con una tesi in diritto costituzionale dal titolo “Le Forme di Governo e i Sistemi Elettorali”. Grazie alla guida del dominus Francesco Stallone, ha maturato esperienze come consulente per numerosi Enti Pubblici e Società Private con specifico riferimento alla predisposizione di bandi di gara, schemi di provvedimenti amministrativi e di contratti, interpretazione e applicazione della normativa regionale, nazionale e comunitaria. Superati immediatamente gli esami d’abilitazione, si iscrive all’Albo dell’Ordine degli Avvocati di Palermo. Da quel momento in poi, predispone e patrocina ricorsi singoli, e collettivi, presso la giurisdizione Amministrativa e Civile con particolare riferimento alle tematiche inerenti i Concorsi Pubblici, Esami di Stato, Esami d’Abilitazione, Urbanistica ed Edilizia, Contratti Pubblici/Appalti. Dal 2011 inizia a specializzarsi in Ricorsi Collettivi e Class Action aventi ad oggetto concorsi pubblici, procedure selettive e test d’ammissione e abilitazione. Nel 2013 crea un team di giovani professionisti che, coniugando ricerca scientifica e nuove tecnologie, si occupa con successo di tutti i grandi casi giurisprudenziali degli ultimi anni. Test d’ammissione a Medicina e Professioni Sanitarie, Esami d’abilitazione professionale, Concorsi nelle Forze dell’Ordine, Concorso dell’Agenzia delle Entrate, Selezioni CIAPI, Concorso “Roma Capitale”, Concorso MEF 2015, Piano Giovani e Garanzia Giovani (Youth Guarantee), Concorso Vigile del Fuoco, Accesso alle Scuole di Specializzazione Medica, Trasferimento in Italia da ateneo estero, Stabilizzazione precari e tutte le problematiche inerenti la Scuola rappresentano solo una parte delle attività professionali sino ad oggi svolte.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here


9 + 4 =