Il Consiglio di Stato accoglie i primi appelli sui Test Medicina 2017

Il Consiglio di Stato accoglie i primi appelli sui Test Medicina 2017

10518
0
CONDIVIDI

Buone notizie dal Consiglio di Stato per tutti coloro che hanno fatto ricorso contro il Test Medicina 2017: con numerosi provvedimenti cautelari, infatti, il Presidente della sesta sezione del CdS ha accolto le nostre istanze d’immatricolazione immediata ribaltando, a distanza di poche settimane, le prime decisioni negative arrivate dal Tar del Lazio.

test medicina 2017

La vicenda è ormai nota e ha al centro le numerose irregolarità che hanno caratterizzato il test d’ingresso alla facoltà di Medicina dello scorso settembre, dalla violazione dell’anonimato ai quiz non originali, dai quesiti errati alla mancata attribuzione  dei posti destinati agli extracomunitari. Anche quest’anno, infatti, la procedura selettiva è stata caratterizzata da opacità e mancanza di meritocrazia.

Nelle scorse settimane, in particolare, il Tar del Lazio aveva in prima battuta rigettato le istanze d’immatricolazione cautelare presentate, attraverso il nostro staff legale, da centinaia di aspiranti medici. Una battuta d’arresto incomprensibile attese le chiare prove portate a supporto del ricorso e i primi appelli accolti dal Consiglio di Stato. A ridare speranza a migliaia di ricorrenti è oggi proprio il giudice d’appello che, grazie all’emanazione di numerosi decreti cautelari, ha accolte le nostre richieste e ha imposto  al Miur di verificare il numero di posti rimasti vacanti e di procedere, in ragione di punteggi e sedi opzionate, all’immatricolazione dei nostri ricorrenti.

Alla luce di queste ultime decisioni il Consiglio di Stato ha, quindi, confermato la bontà delle nostre tesi giuridiche e picconato ulteriormente l’anacronistico sistema chiuso dei test d’ammissione.

Oggi pomeriggio alle 17,00 gli avvocati Francesco Leone e Simona Fell saranno in diretta sul gruppo dedicato ai nostri ricorrenti “Ricorso Medicina 2017” e risponderanno alle vostre domande.

Per informazioni invia una mail a info@avvocatoleone.com o compila il form “Raccontaci il tuo caso“.

Per non perderti le notizie più importanti, clicca qui e iscriviti alla nostra newsletterRiceverai, direttamente nella tua casella newsletterdi posta elettronica, notizie sulle nostre campagne legali, informazioni utili su tasse e rimborsibanche e mutuidiritti dei consumatoriscuolasanità, oltre a informazioni dettagliate su bandi e concorsi pubblici, e molto altro ancora.

CONDIVIDI
L’avv. Francesco Leone si è laureato presso la Facoltà di Giurispudenza di Palermo con una tesi in diritto costituzionale dal titolo “Le Forme di Governo e i Sistemi Elettorali”. Grazie alla guida del dominus Francesco Stallone, ha maturato esperienze come consulente per numerosi Enti Pubblici e Società Private con specifico riferimento alla predisposizione di bandi di gara, schemi di provvedimenti amministrativi e di contratti, interpretazione e applicazione della normativa regionale, nazionale e comunitaria. Superati immediatamente gli esami d’abilitazione, si iscrive all’Albo dell’Ordine degli Avvocati di Palermo. Da quel momento in poi, predispone e patrocina ricorsi singoli, e collettivi, presso la giurisdizione Amministrativa e Civile con particolare riferimento alle tematiche inerenti i Concorsi Pubblici, Esami di Stato, Esami d’Abilitazione, Urbanistica ed Edilizia, Contratti Pubblici/Appalti. Dal 2011 inizia a specializzarsi in Ricorsi Collettivi e Class Action aventi ad oggetto concorsi pubblici, procedure selettive e test d’ammissione e abilitazione. Nel 2013 crea un team di giovani professionisti che, coniugando ricerca scientifica e nuove tecnologie, si occupa con successo di tutti i grandi casi giurisprudenziali degli ultimi anni. Test d’ammissione a Medicina e Professioni Sanitarie, Esami d’abilitazione professionale, Concorsi nelle Forze dell’Ordine, Concorso dell’Agenzia delle Entrate, Selezioni CIAPI, Concorso “Roma Capitale”, Concorso MEF 2015, Piano Giovani e Garanzia Giovani (Youth Guarantee), Concorso Vigile del Fuoco, Accesso alle Scuole di Specializzazione Medica, Trasferimento in Italia da ateneo estero, Stabilizzazione precari e tutte le problematiche inerenti la Scuola rappresentano solo una parte delle attività professionali sino ad oggi svolte.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO


9 + 9 =