Concorso Banca d’Italia, accolto il nostro ricorso: illegittimo il voto di laurea minimo

Concorso Banca d’Italia, accolto il nostro ricorso: illegittimo il voto di laurea minimo

arton39201Un’ulteriore pronuncia, da parte del Tar Lazio, e un ulteriore accoglimento per i nostri ricorsi. Lo studio legale Leone-Fell &associati ottiene un’altra importante vittoria sul fronte Concorso Banca d’Italia. Infatti, con ordinanza n. 234/2017, i Giudici capitolini hanno accolto la nostra istanza cautelare avente ad oggetto la richiesta di partecipazione al prossimo concorso indetto dalla Banca d’Italia. 

Il bando prevede, fra i requisiti di partecipazione e di assunzione per i profili di cui alle lettere a) e b), che i partecipanti abbiano conseguito una laurea magistrale/specialistica, ovvero diploma di laurea “vecchio ordinamento”, ottenendo un punteggio di almeno 105/110 o votazione equivalente.

L’accoglimento da parte del Tar arriva esclusivamente sulla base delle argomentazioni presentate nel ricorso dal nostro staff legale, visto e considerato che recentemente la Corte Costituzionale ha bocciato la riforma Madia, che all’articolo 17 eliminava il voto minimo di laurea tra i requisiti individuabili per l’accesso alle selezioni indette dalla Pubblica Amministrazione.

I Giudici, dunque, hanno ritenuto meritevoli di rilievo giuridico le nostre censure.

Per qualsiasi informazione invia una mail al nostro indirizzo [email protected] o compila il nostro form “Raccontaci il tuo caso”.

26/04/2022

Categorie

Hai bisogno di altre informazioni?

small_c_popup.png

Diffida CIG Covid - Società

Inserisci I Dati E Ricevi La Diffida Pronta Con I Tuoi Dati!

small_c_popup.png

Diffida CIG Covid - Impresa individuale

Inserisci i dati e Ricevi la diffida pronta con i tuoi dati!