Home pensioni Ricalcolo pensione (ex art. 54), vittoria importante per la Polizia di Stato!

Ricalcolo pensione (ex art. 54), vittoria importante per la Polizia di Stato!

Un ex militare della Polizia di Stato, andato in pensione con il sistema misto, ritenendo errato l’ammontare della sua pensione, si è rivolto al nostro Studio per chiederne il ricalcolo con l’applicazione dell’aliquota al 44% (avendo maturato al 31 dicembre 1995 una anzianità di servizio tra i 15 e i 18 anni). La Corte dei Conti della Puglia, con la sentenza n. 63 del 2020, ha accolto il nostro ricorso e disposto il ricalcolo della sua pensione!

Scrivono i giudici: “per i militari (anche per gli appartenenti alle forze di polizia ad ordinamento militare) che alla data del 31.12.1995 vantavano un’anzianità di servizio utile inferiore a 18 anni, per i quali la pensione viene liquidata in parte secondo il sistema retributivo ed in parte con il sistema contributivo, per ciò che concerne la prima parte continua a trovare applicazione la disposizione di cui all’art. 54 del DPR 1092/1973 la cui corretta applicazione comporta che:
– per l’anzianità di servizio utile fino al 31.12.1992, necessariamente inferiore a 15 anni (altrimenti al 31.12.1995 l’anzianità sarebbe maggiore di anni 18 e non si porrebbe alcun problema applicativo trattandosi di pensione da liquidare interamente con il sistema retributivo), la quota di pensione va calcolata sulla base dell’aliquota di rendimento annua del 2,2% (44/20),
– per l’ulteriore anzianità di servizio utile fino al 31.12.1995 la quota di pensione va calcolata sulla base dell’aliquota di rendimento ottenuta per differenza tra quella del 44% spettante ai sensi dell’art. 54, co. 1, per l’anzianità di servizio utile compresa tra i 15 e i 20 e quella calcolata come sopra per l’anzianità al 31.12.1992.
Alla luce di quanto fin qui esposto, il ricorso deve essere accolto con il riconoscimento del diritto del ricorrente alla riliquidazione della pensione, sin dalla originaria decorrenza, con la corretta applicazione dell’art. 54 del DPR n. 1092/1973 secondo i criteri sopra esposti. Il ricorrente ha, inoltre, diritto a conseguire gli arretrati costituiti dalla differenza tra i ratei pensionistici spettanti in base alla suddetta riliquidazione e quelli percepiti“.

Per maggiori informazioni e per aderire al ricorso clicca qui

newsletter

Vuoi ricevere le notizie direttamente nella tua mail? Clicca qui e iscriviti alla newsletter

11 COMMENTI

  1. Il 31.12.2029 sono prossimo alla pensione. Mi sono arruolato l8 set.1980. Come farò a capire che la percentuale di calcolo sarà giusta?
    Grazie della gentilezza

  2. Salve sono un ex dipendente Polstato assunto nel 1989 e dispensato nel 2013 per inabilità…le novità per il ricalcolo riguardano anche tali periodi.Ringrazio; cordialità.

    • Buongiorno, per poter richiedere e ottenere il ricalcolo è necessario essere stati assunti prima della smilitarizzazione del corpo, ed essere andati in pensione con il sistema misto. Dalle informazioni date non dovrebbe rientrare. Per una verifica della sua posizione può inviare il mod. 5007 a info@leonefell.com e valuteremo senza impegno la possibilità di adesione al ricorso

  3. Buongiorno avvocato, per quel personale dell’ex corpo delle guardie ti p.s arruolatosi nel 1975 e nel 1995 aveva già maturato un Anzianità di circa 20 , vorrei conoscere un suo parere se rientra nella categoria di chi può ricorrere!! Grazie

  4. Io mi sono arruolato il 1973, il 1976 mi sono congedato dalla ferma, il 1980 sono rientrato, come riammesso, il 2009 sono stato riformato per “INABILITA’ FISICA” ma non riconosciuta la pensione privilegiata, vorrei sapere se il caso potrebbe riguardarmi, o quanto meno ce una possibilità di fare ricorso per la privilegiata.

  5. Buongiorno, sono un ex appartenente alla Polizia di Stato arruolato quale Agente Ausiliario nel settembre 1983 ed ho quindi assolto gli obblighi di leva in Polizia. Sono in quiescenza per anzianità di servizio dal settembre 2018. Ho ricongiunto periodi pari ad anni uno, mesi dieci e giorni diciannove. In effetto di questi periodi ho maturato al 31 dicembre 1995 anni sedici e mesi quattro di anzianità. Rientrerei pienamente nei requisiti di anzianità per ottenere il beneficio per il quale si ricorre, ma sembrerebbe non mi si possa riconoscere lo status di militare. Il ricongiungimento degli anni di servizio dovrebbe avere effetti ai fini economici e giuridici, al di fuori della progressione di carriera ed inoltre il servizio di leva in Polizia, ha determinato un decremento economico sul TFS in quanto sia il primo anno, che il secondo in regime di trattenuto e un periodo successivo di sei mesi per il corso di rafferma, non sono computati per il suddetto trattamento, diversamente da chi apparteneva ai ruoli ordinari. Insomma, ne carne , ne pesce. Queste storture si scoprono solitamente solo dopo decine di anni. Qual’è il suo parere a proposito. Cordialmente. Massimo GALASSO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here


1 + 3 =