Home Ricorso per riconoscimento dell'abilitazione in Romania

Ricorso per riconoscimento dell’abilitazione in Romania

I giudici del Tar Lazio hanno accolto il nostro ricorso e riconosciuto il titolo abilitativo di una docente conseguito presso la Università “Dimitrie Cantemir” di Tirgu Mures. Rivedi la nostra diretta e scopri le ultime novità per ottenere il riconoscimento dell’abilitazione in Romania!

ISTANZA INTEGRATIVA DI RICONOSCIMENTO

Alcuni docenti non hanno presentato ricorso avverso il rigetto e pertanto ormai si trovano con un provvedimento apparentemente consolidato. Il nostro Studio legale, alla luce della nuova giurisprudenza, ritiene invece di poter riattivare il procedimento per il riconoscimento del titolo abilitativo conseguito in Romania, pendente presso il Miur.

Clicca qui per maggiori informazioni e per aderire all’azione

RICONOSCIMENTO DELL'ABILITAZIONE IN ROMANIA

L’abilitazione all’insegnamento conseguita in Romania deve essere riconosciuta dal Miur. A stabilirlo le ultime sentenze sia del Tar Lazio che del Consiglio di Stato.

Il diniego – scrivono i giudici –  si pone in contrasto con i principi e le norme di origine sovranazionale, i quali impongono di riconoscere in modo automatico i titoli di formazione rilasciati in un altro Stato membro al termine di formazioni in parte concomitanti, a condizione che “la durata complessiva, il livello e la qualità delle formazioni a tempo parziale non siano inferiori a quelli delle formazioni continue a tempo pieno. Una volta acquisita la documentazione che attesta il possesso del certificato conseguito in Romania, non può negarsi il riconoscimento dell’operatività in Italia, altro paese Ue, per il mancato riconoscimento del titolo di studio – laurea – conseguito in Italia. L’eventuale errore delle autorità rumene sul punto non può costituire ragione e vincolo per la decisione amministrativa italiana; ciò, in particolare, nel caso di specie, laddove il titolo di studio reputato insufficiente dalle Autorità di altro Stato membro è la laurea conseguita presso una università italiana”.

Alla luce di questa ennesima conferma, che ha ispirato anche i giudici del Tar che hanno di recente accolto i nostri ricorsi, chiunque abbia ottenuto un rigetto dal Miur o un’ordinanza di rigetto di primo grado può rivolgersi al nostro Studio e ottenere il riconoscimento dell’abilitazione all’insegnamento conseguita in Romania.

OBIETTIVO DA RAGGIUNGERE

  • Riconoscimento dell’abilitazione conseguita in Romania

TIPOLOGIA DI RICORRENTE

Possono aderire al ricorso tutti gli insegnanti abilitati in Romania che hanno ottenuto un rigetto dal Miur 

TIPOLOGIA DI RICORSO E MODULISTICA

CLICCA QUI PER SCARICARE IL MODULO DI ADESIONE

Se hai ottenuto una sentenza di rigetto di primo grado puoi presentare appello con il nostro Studio, inviando una mail a info@leonefell.com

LE NOSTRE VITTORIE

Per ricevere qualsiasi tipo di informazione invia una mail all’indirizzo info@leonefell.com o compila il nostro form “Raccontaci il tuo caso”.

Per informazioni immediate chiama 0917794561

Scuola, graduatorie di istituto bloccate fino al 2021: al via ricorso...

graduatorie di istituto
Il Consiglio dei Ministri ha approvato ieri il cosiddetto decreto scuola, teso a “contenere gli effetti negativi che l’emergenza epidemiologica COVID-19 sta producendo sul...

Scuola, mobilità e 104: nostro ricorrente trasferito nella sede scelta

Un docente di ruolo, assunto a Firenze, aveva richiesto la mobilità interprovinciale per l’a.s. 2018/2019, verso il Comune di Capo d’Orlando, facendo valere il...

Abilitazione in Romania, ottieni il riconoscimento anche se non hai impugnato...

In questi giorni sia il Tar Lazio che il Consiglio di Stato hanno emanato sentenze positive che hanno riconosciuto la validità del titolo di...

Concorso scuola ordinario, prova preselettiva senza punteggio minimo

concorso ordinario
Non ci sarà un punteggio minimo per superare la prova preselettiva del concorso scuola ordinario che ha come obiettivo l’abilitazione all’insegnamento. A confermare l’assenza...

Pulizia scuole, internalizzazione dei servizi: licenziati 4mila addetti

internalizzazione
Non è andata come previsto l’internalizzazione del servizio di pulizia per i 16mila operatori assunti da cooperative. In 4mila sono rimasti a casa. Senza...
Francesco Leone
L’avv. Francesco Leone si è laureato presso la Facoltà di Giurispudenza di Palermo con una tesi in diritto costituzionale dal titolo “Le Forme di Governo e i Sistemi Elettorali”. Grazie alla guida del dominus Francesco Stallone, ha maturato esperienze come consulente per numerosi Enti Pubblici e Società Private con specifico riferimento alla predisposizione di bandi di gara, schemi di provvedimenti amministrativi e di contratti, interpretazione e applicazione della normativa regionale, nazionale e comunitaria. Superati immediatamente gli esami d’abilitazione, si iscrive all’Albo dell’Ordine degli Avvocati di Palermo. Da quel momento in poi, predispone e patrocina ricorsi singoli, e collettivi, presso la giurisdizione Amministrativa e Civile con particolare riferimento alle tematiche inerenti i Concorsi Pubblici, Esami di Stato, Esami d’Abilitazione, Urbanistica ed Edilizia, Contratti Pubblici/Appalti. Dal 2011 inizia a specializzarsi in Ricorsi Collettivi e Class Action aventi ad oggetto concorsi pubblici, procedure selettive e test d’ammissione e abilitazione. Nel 2013 crea un team di giovani professionisti che, coniugando ricerca scientifica e nuove tecnologie, si occupa con successo di tutti i grandi casi giurisprudenziali degli ultimi anni. Test d’ammissione a Medicina e Professioni Sanitarie, Esami d’abilitazione professionale, Concorsi nelle Forze dell’Ordine, Concorso dell’Agenzia delle Entrate, Selezioni CIAPI, Concorso “Roma Capitale”, Concorso MEF 2015, Piano Giovani e Garanzia Giovani (Youth Guarantee), Concorso Vigile del Fuoco, Accesso alle Scuole di Specializzazione Medica, Trasferimento in Italia da ateneo estero, Stabilizzazione precari e tutte le problematiche inerenti la Scuola rappresentano solo una parte delle attività professionali sino ad oggi svolte.