Home Ricorso per riconoscimento dell'abilitazione in Romania

Ricorso per riconoscimento dell’abilitazione in Romania

I giudici del Tar Lazio hanno accolto il nostro ricorso e riconosciuto il titolo abilitativo di una docente conseguito presso la Università “Dimitrie Cantemir” di Tirgu Mures. Rivedi la nostra diretta e scopri le ultime novità per ottenere il riconoscimento dell’abilitazione in Romania!

ISTANZA INTEGRATIVA DI RICONOSCIMENTO

Alcuni docenti non hanno presentato ricorso avverso il rigetto e pertanto ormai si trovano con un provvedimento apparentemente consolidato. Il nostro Studio legale, alla luce della nuova giurisprudenza, ritiene invece di poter riattivare il procedimento per il riconoscimento del titolo abilitativo conseguito in Romania, pendente presso il Miur.

Clicca qui per maggiori informazioni e per aderire all’azione

RICONOSCIMENTO DELL'ABILITAZIONE IN ROMANIA

L’abilitazione all’insegnamento conseguita in Romania deve essere riconosciuta dal Miur. A stabilirlo le ultime sentenze sia del Tar Lazio che del Consiglio di Stato.

Il diniego – scrivono i giudici –  si pone in contrasto con i principi e le norme di origine sovranazionale, i quali impongono di riconoscere in modo automatico i titoli di formazione rilasciati in un altro Stato membro al termine di formazioni in parte concomitanti, a condizione che “la durata complessiva, il livello e la qualità delle formazioni a tempo parziale non siano inferiori a quelli delle formazioni continue a tempo pieno. Una volta acquisita la documentazione che attesta il possesso del certificato conseguito in Romania, non può negarsi il riconoscimento dell’operatività in Italia, altro paese Ue, per il mancato riconoscimento del titolo di studio – laurea – conseguito in Italia. L’eventuale errore delle autorità rumene sul punto non può costituire ragione e vincolo per la decisione amministrativa italiana; ciò, in particolare, nel caso di specie, laddove il titolo di studio reputato insufficiente dalle Autorità di altro Stato membro è la laurea conseguita presso una università italiana”.

Alla luce di questa ennesima conferma, che ha ispirato anche i giudici del Tar che hanno di recente accolto i nostri ricorsi, chiunque abbia ottenuto un rigetto dal Miur o un’ordinanza di rigetto di primo grado può rivolgersi al nostro Studio e ottenere il riconoscimento dell’abilitazione all’insegnamento conseguita in Romania.

OBIETTIVO DA RAGGIUNGERE

  • Riconoscimento dell’abilitazione conseguita in Romania

TIPOLOGIA DI RICORRENTE

Possono aderire al ricorso tutti gli insegnanti abilitati in Romania che hanno ottenuto un rigetto dal Miur 

TIPOLOGIA DI RICORSO E MODULISTICA

CLICCA QUI PER SCARICARE IL MODULO DI ADESIONE

Se hai ottenuto una sentenza di rigetto di primo grado puoi presentare appello con il nostro Studio, inviando una mail a [email protected]

LE NOSTRE VITTORIE

Per ricevere qualsiasi tipo di informazione invia una mail all’indirizzo [email protected] o compila il nostro form “Raccontaci il tuo caso”.

Per informazioni immediate chiama 0917794561

Mobilità e 104, docente trasferita nella sede scelta!

Mobilità
Il docente, unico referente di genitore gravemente disabile, su cui esercita legale tutela, ha diritto di precedenza nelle operazioni...

Romania, numero di protocollo condiviso: istanze rigettate

protocollo-condiviso
Nuovo rigetto per alcuni docenti che avevano chiesto al Ministero il riconoscimento dell'abilitazione conseguita in Romania. Il...

Scuola, 90mila posti: concorso o stabilizzazione precari?

Scuola_Concorso
Circa 90mila cattedre da coprire nel più breve tempo possibile. Sono questi i numeri del comparto scuola che destano non poca preoccupazione. Si tratta...

Concorso ordinario scuola: quali prospettive?

concorso ordinario scuola
Grande fermento nel mondo della scuola: tante le ipotesi in ballo per la stabilizzazione dei precari. Tra e più accreditate dal Ministero, l'indizione di...

Spagna, Specializzazione sul sostegno: Acreditation non necessaria

acreditation
Per poter esercitare in Italia, i docenti specializzati sul sostegno in Spagna devono ottenere il riconoscimento del titolo. Ad affermarlo è il Tar Lazio...